Maltempo, lo sfogo di Saisi: “Non si può rischiare la vita tornando a casa, Stato e Regione devono investire di più” foto

Il sindaco di Gallicano: "Finora sono stati spesi spiccioli rispetto alle necessità"

Un inizio 2021 a dir poco difficile per la Valle del Serchio. Dopo l‘emergenza neve, oggi (23 gennaio) sul territorio si sono verificati altri danni e disagi a causa del maltempo. Una situazione che ha scaturito lo sfogo del sindaco di Gallicano, David Saisi.

Una notte con gli occhi puntati sul Serchio. Smottamenti interrompono strade in Valle, alberi sradicati dal vento

“Lo avevo detto in una recente intervista, ma evidentemente sono parole troppo dure o forse inutili da trasmettere – esordisce il sindaco di Gallicano -. Non si può rischiare la vita tornando a casa, sia che si torni da lavoro o da fare la spesa o da qualsiasi altro luogo. Lo stato e la regione Toscana devono investire di più sul rischio idrogeologico e sulla montagna: finora sono stati spesi spiccioli rispetto alle necessità. Oppure ci dicano che dobbiamo mollare, dobbiamo smettere di lottare per rimanere in montagna. Allora abbandoniamo tutto e andiamo a vivere tutti a Firenze o a Roma e veniamo quassù da turisti anche noi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.