Intere famiglie isolate da oltre un anno per una frana, la protesta: “Situazione difficile, siamo stanchi” foto

Si tratta della località 'Mulino di Burica'. L'opposizione attacca: "L'amministrazione non ha ancora fatto niente"

“Intere famiglie isolate da oltre un anno per una frana, non si può nel 2021”. Sono queste le parole dei consiglieri di Un futuro per Bagni di Lucca, Laura Lucchesi e Claudio Gemignani, sulla situazione che stanno vivendo i cittadini della località Mulino di Burica (Fabbriche di Casabasciana). Disagi per intere famiglie, isolate da ben 15 mesi dopo una frana risalente al 2019.

Una cittadina della zona, esasperata dalla situazione, ha deciso di denunciare la vicenda postando un video sui social: “È una vergogna, siamo stanchi”.

Il gruppo di opposizione Un futuro per Bagni di Lucca si fa portavoce dei disagi dei cittadini: “Accade nel 2021 che famiglie intere si trovino isolate da più di un anno a causa di una frana, avvenuta addirittura nel novembre 2019 – tuonano i consiglieri Lucchesi e Gemignani -. Si tratta della località ‘Mulino di Burica’ dove, appunto, i cittadini residenti ci riferiscono di vivere in una situazione veramente disagiata e difficile. Dal novembre 2019 la strada che porta alle abitazioni della località suddetta viene interrotta da una frana. I residenti da allora si sono rivolti più volte all’amministrazione, ma ancora oggi niente è stato fatto“.

Frana località Mulino di Burica a Bagni di Lucca

Sono tanti i disagi: “I residenti ci hanno raccontato alcuni dei disagi che stanno vivendo: innanzitutto, ovviamente, devono raggiungere le abitazioni a piedi, lungo questa strada tra l’altro priva di qualsiasi illuminazione – affermano i consiglieri di opposizione -. Hanno dovuto portare a casa la legna per scaldarsi tutto l’inverno con la carretta, non potendo arrivare con il trattore. Per portare la spazzatura al posto di racconta, devono fare circa 400 metri a piedi percorrendo la strada (ricordiamo) priva di illuminazione. Così come la spesa, che sono costretti a percorrere la stessa distanza, portandola a mano. Ci dicono ovviamente che quando poi piove la situazione è ancora più difficile. Per non pensare, poi, se qualcuno si dovesse sentire male o avesse bisogno di cure”.

I consiglieri di Un futuro per Bagni di Lucca chiedono un intervento da parte dell’amministrazione: “I cittadini si sono rivolti ovviamente più volte al Comune – raccontano Lucchesi e Gemignani -, sicuri di trovare comprensione o quanto meno la volontà di andargli incontro in qualche maniera, cercando di arginare il danno della frana in qualche modo. Invece niente, l’unica risposta è che la Regione blocca i finanziamenti. Poi vediamo che per altre frane i soldi arrivano in pochissimo tempo. Allora ci chiediamo: dove sta la differenza?”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.