Borgo, Tari posticipata. Risparmi della chiusura delle scuole per le attività commerciali

Le prime decisioni del Comune, ma Andreuccetti avverte: "I Comuni da solo non possono fare"

Anche il Comune di Borgo a Mozzano si interroga sulle misure di sostegno alle imprese. Oggi (12 marzo) si è tenuta una giunta che ha affrontato la questione.

A parlarne è il sindaco, Patrizio Andreuccetti: “Quella che viviamo – dice – è una emergenza nazionale, europea e mondiale, e come tale deve essere trattata. I Comuni da soli non possono fare: ci vuole un piano generale, omogeneo e forte, che contestualmente al problema sanitario e nei prossimi mesi riesca a far fronte alle difficoltà economiche”.

“Oggi in giunta – spiega –  come primo, piccolo, passo, assessori tutti d’accordo, abbiamo deciso che i risparmi derivanti dalla chiusura delle scuole saranno utilizzati per venire incontro alle attività commerciali. Lo stesso dicasi per la Tari, che almeno per la parte commerciale sarà posticipata come credo succederà in tutto il paese”.

Ogni mossa però – conclude il sindaco – lo dico senza proclami e facili populismi, sarà misurata alle reali possibilità dell’ente e assolutamente in linea con quello che sarà il piano nazionale. Serietà, razionalità e senso civico devono essere alla base di ogni azione che, insieme, come comunità, andremo ad intraprendere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.