Quantcast

Sanità, Fantozzi (Fdi): “Sos guardie mediche in Valle. Regione intervenga”

Il consigliere regionale di Fratelli d'Italia: "Bisogna tornare a una sanità diffusa sui territori"

Mancanza di guardie mediche nella Piana e in Valle del Serchio. A tornare sul tema è il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Vittorio Fantozzi.

“La mancanza di guardie mediche è ormai un’emergenza, tanto più grave visto che siamo nel mezzo della stagione estiva. Un’emergenza che nasce dalla carenza strutturale di medici e da una sbagliata pianificazione regionale – prosegue Fantozzi -. Una situazione che, purtroppo, conferma gli allarmi che abbiamo lanciato nel corso dei mesi: la nostra battaglia sulla mancanza del medico a bordo dell’ambulanza del 118 a Piazza del Serchio, gli atti che abbiamo presentato per difendere o ripristinare servizi tagliati negli ospedali della Garfagnana e per lamentare una carenza di operatori sanitari, la proposta di legge che come Fratelli d’Italia abbiamo presentato alla camera dei deputati con le proposte per riportare i medici nelle aree interne e disagiate. Tra l’altro, i giovani laureati snobbano la guardia medica notturna e preferiscono le Usca dove trovano una migliore retribuzione e orari più accettabili”.

“Adesso, in piena emergenza, servono decisioni immediate e nette, ma serve soprattutto la volontà politica, da parte della Regione, di credere che la sanità nei piccoli centri vada erogata con la stessa qualità di quella fornita nei capoluoghi – va avanti ancora Fantozzi -. Non è accettabile che ci siano medici che da soli coprano il servizio di tre professionisti, con turni massacranti e rischiando di fornire servizi non adeguati, non possiamo avallare l’idea dell’Asl che intende accorpare più sedi e territori sotto un unico medico che si sia costretto a dividersi tra Lucca, Barga e Castelnuovo. Insomma, meno medici disponibili ed un territorio più grande, di notte e nei fine settimana, da coprire per i medici disponibili: non può essere questa la soluzione”.

“Da 10 anni si sta parlando del progetto di un ospedale unico della Valle. Forse, una struttura adeguata e attrezzata potrebbe attirare medici anche in una zona periferica, un ospedale che potrebbe essere il punto di riferimento per un territorio molto vasto con professionalità di livello e possibilità di fare carriera – conclude l’esponente di Fratelli d’Italia -. Bisogna tornare a una sanità diffusa sui territori, dopo le megalopoli ospedaliere nei centri urbani realizzate negli anni dal duo Rossi-Saccardi. Un modello che è fallito, il Covid, invece, ha dimostrato che la Toscana ha retto, nei mesi più duri della pandemia, soltanto grazie agli ospedali territoriali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.