Quantcast

Garfagnana Fotografia, si presenta il libro sull’alluvione del 1996

Le foto frutto del lavoro di Tommaso Teora raccolte in un corposo volume in bianco e nero pubblicato con l’editore Tralerighe libri

Il festival Garfagnana Fotografia, organizzato dal Circolo Fotocine Garfagnana, presenta alla tensostruttura alla ex pista di pattinaggio un libro che racconta la nostra storia recente. 25 anni fa. Alluvione Versilia e Garfagnana di Tommaso Teora è un libro fotografico che ripercorre quanto è avvenuto quel 19 giugno 1996 con epicentro a Cardoso in Versilia e Fornovolasco in Garfagnana seguendo in parte anche la ricostruzione che è seguita.

Non era assolutamente facile, nelle settimane che seguirono l’alluvione, raggiungere Cardoso o Fornovolasco, le strade erano franate e interrotte, le regole della sicurezza invitavano a non andare o proibivano l’accesso ai centri colpiti. Tommaso Teora con il suo motorino riuscì più volte a raggiungere le località colpite e documentare la situazione con l’obbiettivo della sua Pentax.

Le foto frutto di quel lavoro, puramente fotoamatoriale, sono ora raccolte in un corposo volume in bianco e nero pubblicato con l’editore Tralerighe libri. Foto arricchite da dettagliate didascalie in italiano e inglese che permettono al lettore di entrare nei dettagli del disastro.

A presentare il libro e ricordare gli eventi Andrea Tagliasacchi, sindaco di Castelnuovo e presidente dell’Unione dei Comuni della Garfagnana, che dal 1997, quale presidente della Provincia di Lucca visse da protagonista la ricostruzione, Alberto Rebechi, nel 1996 sindaco di Vergemoli e Michele Silicani nel 1996 presidente della Comunità montana Alta Versilia. Sarà ospite anche il consigliere della Regione Toscana Mario Puppa e presto il libro sarà presentato proprio in Regione Toscana.

Per partecipare è obbligatorio il green pass, prenotazioni al telefono 0583.641007, email: info@castelnuovogarfagnana.org.

Intanto il portfolio dell’Ariosto, svoltosi nel week end sotto la tensostruttura alla ex pista di pattinaggio, con la partecipazione di autori di mezza Italia ha visto quali vincitori la coppia toscana Cristina Corsi e Antonio Lorenzini con un delicato reportage su una ragazza disabile, seconda classificata la pisana Tiziana Fustini che tratteggia la vita domestica delle donne italiane al tempo del Covid attraverso l’autoritratto, con uno sguardo ironico, leggero e surreale, ma senza edulcorare le difficoltà e le preoccupazioni dello smart working a casa. Segnalati anche i lavori di Monica Benassi di Boretto, Marco Bonomo di Anagni e Antonio Salvatore Presta di Follonica. Premio supplementare della giuria alla giovanissima Martina Fabiano di Chiavari, il premio Fosco Maraini per il reportage è andato ancora alla coppia Cristina Corsi e Antonio Lorenzini, mentre il premio nella sezione riservata ai fotografi del circolo organizzatore è andato a Stefania Adami.

Rimarranno aperte fino all’8 agosto, con orario mattutino e pomeridiano, le mostre fotografiche proposte dal festival ed ospitate nella sala Suffredini e nella sala Popi Mannelli, al numero 4 di Via Vittorio Emanuele. Esposti i lavori premiati al Portfolio dell’Ariosto 2020, il lavoro vincente il Portfolio Italia 2020 di Maria Cristina Comparato, una collettiva sul tema Ambienti, Uomini, Natura, foto dei partecipanti al corso di fotografia realizzato in primavera e il cofanetto 2021 del circolo organizzatore.

In mostra anche una particolare mostra su un evento teatrale internazionale svoltosi a Corfino. Nella sala Suffredini nella Rocca Ariostesca è esposta una mostra che va a toccare il tema del sacerdozio femminile nella chiesa cattolica, Tiger lilies go to paradise, proposta dalla fotografa Nausicaa Giulia Bianchi che è stata l’ospite principale del festival.

Tutti i contenuti del festival sono pubblicati sul sito del Circolo Fotocine Garfagnana www.fotocinegarfagnana.it. Per informazioni scrivere a info@fotocinegarfagnana.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.