Quantcast

Castelnuovo pronto all’esordio in campionato: al Nardini arriva lo Zenith Prato

Sui garfagnini pesano importanti assenze. Biggeri: "Affronteremo un avversario tosto"

Domenica (3 ottobre) si spalanca il sipario sul campionato di Eccellenza toscana per il Castelnuovo. Al Nardini alle 15 andrà in scena la sfida fra le due recenti eliminate dalla Coppa Italia. Una ufficialmente, lo Zenith Prato, sconfitto per 3-2 dal Prato 2000 dopo il pareggio a reti bianche dell’andata, l’altra è il Castelnuovo, virtualmente fuori: serviranno ben quattro gol da segnare negli ultimi quattordici restanti minuti da giocare, dopo la sospensione della gara contro il River Pieve. Laddove la Coppa non era certo un obiettivo per i garfagnini, lo stesso non si può dire per i pratesi: società con potere di spesa verosimilmente molto più massiccio di quello dei castelnuovesi e con ambizioni di alta classifica, come spiegava in estate il direttore sportivo Marco Magni:  “Abbiamo costruito un squadra per puntare al vertice”. Nella rosa a disposizione di mister Andrea Bellini – ex calciatore (recordman di presenze con la Pistoiese, quella della B e della C1) e allenatore nei professionisti, dato in estate vicino anche al Livorno di Toccafondi – diversi giocatori provenienti dalla serie D, dalle giovanili di Pistoiese e Lucchese, il giovane portiere ex Prato e Parma Niccolò Cecconi e, su tutti, l’esperienza e la classe di Elia Chianese, proveniente dal Ghiviborgo (serie D) dopo una lunga carriera tra i professionisti.

Il Castelnuovo ritrova Biagioni e Inglese in difesa, comunque sempre orfana di Morelli (infortunatosi nella sfida di andata di Coppa Italia) e di Bacci (alle prese con l’ultima delle tre giornate di squalifica risalente ormai a due anni fa). Attacco ridotto ai minimi termini con le assenze di Gheri e, soprattutto, dell’unico centravanti di peso della rosa Sebastiano Galloni, stiratosi nell’ultima gara. Due sconfitte consecutive, in Coppa, che non possono produrre strascichi sulla partita di domenica: “Affronteremo una squadra forte, una delle deputate a salire di categoria, in un momento particolare derivante da due sconfitte immeritate – afferma mister Michele Biggeri –. Abbiamo delle assenze importanti, ma sono contento dei ragazzi, che lavorano duramente lungo la settimana, e della squadra, che può e deve raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati. Chiunque scenderà in campo, il nostro campo, darà tutto, come sempre, per questa gloriosa maglia”.

Sarà un campionato corto (solo dodici squadre) e molto intenso, dove sarà importante cominciare a raggranellare punti fin da subito (per i gialloblu, domenica, credo che anche il pareggio non sia risultato da disdegnare) con poche squadre che non accederanno agli spareggi. Il Castelnuovo ha a disposizione ventidue partite per evitare quelli che conducono all’inferno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.