Il giro d’Italia in Toscana per Dante e Martini

Più informazioni su

    Si celebrano 700 anni dalla morte del Poeta con tappe in regione. Probabile passaggio a Sesto Fiorentino per il centenario della nascita del CT Alfredo Martini.

    Nell’attesa della presentazione ufficiale, slittata alla seconda metà di gennaio, continuano le indiscrezioni sul Giro d’Italia. Stando alle voci che ormai circolano da settimane, questa volta i tifosi toscani non resteranno delusi. Dopo l’edizione del 2020 che ha visto l’intera regione esclusa, si tratta di un ritorno attesissimo e per certi versi inevitabile.

    Fino al momento in cui RCS Sport, la società che organizza il Giro, non presenterà il calendario ufficiale, tutto è possibile. Ma si fanno sempre più insistenti le voci che prevedono più tappe in regione per celebrare diverse ricorrenze. Firenze potrebbe essere candidata a essere sede di una partenza di tappa o di un arrivo. Non sono da escludere anche una cronoscalata e passaggi sugli sterrati della provincia.

    Un 2021 all’insegna del ciclismo

    Nella speranza che il 2021 non riservi brutte sorprese, il Giro d’Italia dovrebbe partire l’8 maggio e terminare domenica 30 maggio. Se tutto va come da programma gli amanti del ciclismo si godranno un programma molto intenso tra primavera ed estate. Dopo una settimana dalla fine della corsa rosa, partirà il Giro di Svizzera (6-13 giugno) non disputato nel 2020, a causa della pandemia da Coronavirus. L’ultima edizione della gara elvetica, come si legge in questo articolo, è stata quella del 2019. Seguiranno il Tour De France dal 26 giugno al 28 luglio e la Vuelta de España dal 14 agosto al 20 settembre.

    Tra ottimismo e prudenza gli organizzatori sono al lavoro per far sì che tutte le tappe possano svolgersi come da calendario e in sicurezza. Per questo anche per il Giro 2021 non ci sarà la partenza da Budapest, già programmata e annullata nel 2020. Tra le partenze papabili in pole position c’è la città di Torino, con una cronometro individuale: la tappa sarebbe anche un omaggio al Campione del Mondo Filippo Ganna. Ma niente è certo e si fanno avanti anche indiscrezioni su una possibile partenza nelle Marche.

    Le probabili tappe Toscane

    Nel 2021 ricorrono i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri e come si può immaginare questo evento sarà celebrato in tutta Italia, ben oltre il Dantedì. È chiamata in questo modo la giornata dedicata a Dante. Istituita dal Ministero per i beni e le attività culturali, è stata celebrata per la prima volta il 25 marzo 2020.

    La ricorrenza impone un punto d’incontro tra le celebrazioni in programma e il percorso del Giro 2021. La tappa ideale potrebbe andare da Firenze a Ravenna, città dove è sepolto il poeta. Inoltre un altro anniversario imporrebbe anche una seconda giornata in Toscana. Si tratta del centenario dalla nascita di Alfredo Martini. Il ciclista è stato vincitore del Giro del 1950 e commissario tecnico della Nazionale italiana di ciclismo su strada per 22 anni, dal 1975 al 1997. Per omaggiarlo si prevede dunque una tappa che passi per Sesto Fiorentino, con una cronoscalata sul monte Morello, e con gli sterrati della provincia senese.

    Le altre probabili tappe del giro

    Gli organizzatori sono ancora a lavoro sul programma dettagliato delle 21 tappe. Il che non stupisce date le incertezze legate all’andamento del Covid-19. A ritardare la presentazione della prossima edizione anche il fatto che il Giro 2020 sia slittato all’autunno e si sia concluso il 25 ottobre.

    In questo clima, le conferme vengono seguite dalle smentite e a quanto pare sarebbe fuori gioco la Sicilia. L’isola è stata la vera protagonista dell’ultima edizione con la partenza da Monreale, e altre tre tappe, con salita sull’Etna. In termini di salite sarebbe certa la scalata dello Zoncolan, in Friuli e quella delle Tre Cime di Lavaredo sulle Dolomiti. Probabile anche uno sconfinamento in Slovenia, unica deroga a un giro altrimenti 100% italiano, con passaggio a Gorizia. Tra le cime di cui si parla c’è anche il Blockhaus di Passo Lanciano, 2145 metri, una lunghissima salita sugli appennini abruzzesi.

    Tornando al tema degli eventi da celebrare con una tappa del giro, nel 2021 ricorrono i 90 anni della maglia Rosa. Questa fu istituita per la prima volta nel 1931 e assegnata al ciclista Learco Guerra dopo la prima tappa Milano-Mantova. Quindi è certo un passaggio proprio a Mantova, in vista delle le tappe finali. La conclusione del Giro 2021 è ancora un mistero, ma tra le indiscrezioni si fanno largo due nomi: Verona e Milano.

    Foto: https://larno.ilgiornale.it/2019/05/08/le-tappe-toscane-al-giro-ditalia-2019/

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.