Quantcast

Asteroide a rischio impatto avvistato a Castelvecchio

Nella nottata di lunedì (4 settembre) il telescopio Newton da 40 centimetri dell’astrofilo Roberto Bacci ha ripreso una sequenza di immagini di un asteroide osservato la prima volta la sera precedente dall’osservatorio astronomico T08 Atlas-Mlo a Mauna Loa delle isole Hawai. L’asteroide grazie anche alle osservazioni effettuate dall’osservatorio di Castelvecchio è stato categorizzato come appartenente alla famiglia degli Aten, il che significa che l’orbita eliocentrica è per lo più interna all’orbita terrestre. Sono dei corpi difficili da scoprire con i telescopi a terra perché risultano visibili principalmente dall’emisfero diurno.

“L’asteroide – spiega Roberto Bacci – ha le dimensioni di circa 40 metri (stime lo danno da 25 a 75 metri di diametro). Un corpo relativamente grande delle dimensioni comparabili con quelle dell’oggetto che nel 1908 colpì la Siberia settentrionale nei pressi del fiume Tunguska Pietrosa distruggendo 60 milioni di alberi distribuiti su una superfice di 2100 chilometri. L’oggetto ha una Moid (minima distanza di intersezione con l’orbita) con la Terra di circa 19200 chilometri cioè di poco superiore al raggio terrestre. 2018 Rc è stato inserito dal Minor planet center nella lista degli impattatori virtuali. Questo significa che alcune simulazioni temporali dell’orbita dell’asteroide lo danno come probabile impattattatore. Si tratta solo di simulazioni e non sussiste un pericolo immediato, ma questi oggetti vanno comunque monitorati perchè soggetti a perturbazioni che con il tempo potrebbero modificarne l’orbita. La minima distanza con la terra verrà raggiunta domenica (9 settembre) e sarà di 220mila chilometri cioè all’interno dell’orbita della Luna. Dall’Italia l’asteroide sarà ben visibile con piccoli telescopi nelle sere che vanno da domania domenica per poi velocemente dileguarsi negli spazi siderali”.
L’osservatorio di Castelvecchio Pascoli che da anni ormai collabora con il Minor planet center di Cambridge (Usa) nella ricerca a catalogazione degli oggetti Neocp asteroidi che hanno orbite che intersecano quella della terra. Il prossimo incontro del nostro pianeta con questo oggetto avverrà nel 2023.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.