Quantcast

Barga Jazz, domani sul palco arriva Nico Gori

La febbre del sabato sera contagia anche il BargaJazz Festival: domani (18 agosto) in piazza Angelio (alle 21,30) salirà infatti sul palco il Nico Gori Swing 10tet per una serata tutta da ascoltare e da ballare. Ad accompagnare Nico Gori (alla direzione e al clarinetto), Piero Frassi al piano, Nino Pellegrini al contrabbasso, Vladimiro Carboni alla batteria, le voci di Michela Lombardi e Iacopo Escodamè Crudeli, Mattia Donati (chitarra e voce) e una rombante sezione fiati composta da Tommaso Iacoviello (tromba), Silvio Bernardi (trombone), Moraldo Marcheschi (sax tenore) e Renzo Cristiano Telloli (sax contralto).

Il repertorio pescherà a piene mani dal loro album Swingin’ Hips: un disco fresco, allegro e carico (manco a dirlo) di swing. Finanziato dal basso con il crowdfunding di Eppela, Swingin’ Hips vede la collaborazione di ospiti speciali come Drusilla Foer e Stefano Bollani in veste di crooner d’eccellenza. Anche questo disco, come tutta la produzione del tentetto, è un progetto promosso da Pisa Jazz e ideato da Nico Gori, con la partecipazione di alcuni giovani musicisti del territorio toscano al fianco di affermati artisti della costa tirrenica. Il tentetto presenta un repertorio formato da brani della tradizione delle storiche big band, di autori come Benny Goodman e Count Basie e brani originali dello stesso Gori, sempre ispirati alla tradizione swing degli anni Trenta e Quaranta. Seppur con un organico ridotto rispetto alla big band classica, gli arrangiamenti, il sound ricercato e la scelta del repertorio sono volti a recuperare quel rapporto tra musica, spettacolo e ballo proprio delle grandi orchestre jazz di quegli anni.
il prossimo appuntamento per il BargaJazz Festival è con Barga in Jazz (domenica dalle 17 in poi): l’appuntamento più atteso dell’estate barghigiana in occasione del quale ogni anno il centro storico di Barga è invaso per un giorno da tantissimi musicisti di jazz. Seguiranno due giorni di pausa e quindi un’unica volata fino al gran finale: Jazz for Dinner (21 agosto), i due concerti al conservatorio di Santa Elisabetta (Pietro Tonolo/Paolo Birro il 22, Antonello Salis/Riccardo Fassi il 23) preceduti dall’improvvisazione con i danzatori dell’associazione Aldes accompagnati dalla chitarra di Giancarlo Bianchetti (il 22) e dall’Euphonium e dal Saxhorn di Nicolao Valiensi (il 23) e infine il 30esimo concorso di composizione e arrangiamento per orchestra jazz al teatro dei Differenti il 24 e il 25 agosto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.