Quantcast

Le rubriche di Serchio in diretta - in Regione

Un piano di interventi da 2,2 milioni per i danni urgenti dalle nevicate

Ok all'ordinanza del presidente Giani. L'assessore Monni: "Mettiamo a disposizione dei territori le risorse necessarie"

Approvato il piano degli interventi urgenti per il ristoro dei danni provocati dalle nevicate cadute dal 31 dicembre 2020 all’11 gennaio 2021 in parte del territorio delle province di Lucca e di Pistoia. L’ordinanza, adottata oggi dal presidente della Regione Toscana Eugenio Giani – in qualità di commissario delegato dalla protezione civile nazionale per fronteggiare l’emergenza – ha provveduto a ripartire le risorse, pari a 2,2 milioni di euro, messi a disposizione dal consiglio dei ministri.

La somma è stata così suddivisa: 308 mila euro per interventi di soccorso e interventi necessari per la rimozione delle situazioni di pericolo per la pubblica e privata incolumità; 1 milione e 865 mila euro per interventi di ripristino della funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture di reti strategiche e per le misure volte interventi di natura temporanea; 26mila euro per le oganizzazioni di volontariato.

“Con questo atto mettiamo finalmente a disposizione dei territori le risorse necessarie per riparare i danni causati dalle nevicate dell’inverno scorso – ha sottolineato l’assessora all’ambiente Monia Monni – Accanto alla soddisfazione per il ristoro di cui le amministrazioni locali potranno beneficiare, vorrei ricordare l’azione fondamentale della colonna mobile della protezione civile regionale, il cui intervento si rivelò determinante per fronteggiare la drammatica situazione che si era creata”.

L’ordinanza 131 individua i soggetti attuatori degli interventi e approva le disposizioni con le quali si disciplinano le modalità di attuazione nonché le modalità di erogazione e rendicontazione delle risorse finanziarie. Il piano è operativo a tutti gli effetti e gli enti potranno dunque avviare l’iter della rendicontazione per chiedere il rimborso delle spese sostenute durante l’emergenza.

Viene attivata inoltre la procedura per la ricognizione delle domanda di contributo di immediato sostegno da parte dei nuclei familiari e delle attività economiche e produttive danneggiate dagli eventi calamitosi, per la quale è stato definito un fabbisogno finanziario pari a 658848 euro, così suddiviso: 159845 euro per il ripristino dei danni subiti da soggetti privati (considerando un contributo massimo assegnabile al singolo nucleo familiare pari a 5mila euro); 499003 euro per il ripristino dei danni subiti dalle attività economiche e produttive (considerando un contributo massimo assegnabile ad una singola attività pari a 20mila euro).

Scarica qui i contributi nel dettaglio

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.