Le rubriche di Serchio in diretta - Giornalismi

L’informazione ‘in Diretta’: un anno di crescita in doppia cifra

Boom di lettori (oltre 6 milioni) e di visualizzazioni di pagina (48 milioni) nel 2020 per le testate del gruppo

Capodanno ed è inevitabilmente tempo di bilanci. Messo alle spalle un 2020 caratterizzato dall’emergenza sanitaria, da nove mesi fra chiusure totale e parziali, mascherine, distanziamento e gel sanificanti, si guarda con fiducia all’anno appena cominciato.

E il gruppo delle ‘Dirette’ (per ora Lucca in Diretta, Il Cuoio in Diretta e Serchio in Diretta) anche nel 2020 ha confermato la sua vocazione. Di essere la voce di tutti e per tutti, per contribuire a far sì che i (tantissimi) lettori alla fine si facciano una propria opinione sui fatti della cronaca, della politica, della cultura e dello sport delle città e delle province di riferimento.

La risposta, in questo senso, complice anche la ‘fame’ di informazione legata all’emergenza Covid, per le testate del gruppo è stata entusiasmante. Con una crescita a doppia cifra che è arrivata anche grazie a un complessivo restyling dei quotidiani on line.

Solo alcuni numeri. Lucca in Diretta, testata entrata nel suo nono anno di vita, ha visto crescere i propri utenti unici di oltre il 77 per cento. Sono state, per la precisione oltre 4,5 milioni le persone che in un anno hanno letto il quotidiano on line da dispositivi diversi: un’enormità. Con il numero degli utenti unici sono cresciuti anche i nuovi utenti, le sessioni (quasi 19,5 milioni, più 82 per cento: ogni utente torna sul quotidiano in media circa 2,5 volte) e le visualizzazioni di pagina. Queste ultime sono state oltre 37,7 milioni, con una crescita rispetto all’anno precedente di oltre il 111 per cento. E sono visualizzazioni per una lettura approfondita visto che in media ogni utente rimane sul quotidiano per oltre due minuti, un tempo quasi raddoppiato rispetto all’anno precedente.

Numeri da incorniciare anche per Il Cuoio in Diretta, che a marzo spegnerà la sua sesta candelina. Gli utenti unici crescono di oltre l’82 per cento: sono stati più di 1,2 milioni. Sono oltre 4 milioni le sessioni del 2020, con una crescita del 70 per cento rispetto all’anno precedente: chi legge Il Cuoio in Diretta ci torna in media quasi tre volte e mezzo. Vicino al raddoppio anche il numero di visualizzazioni di pagina, che sono state oltre 7,1 milioni per una lettura che impegna gli aficionados della testata per oltre un minuto e mezzo.

Ultimo, ma non per meriti, Serchio in Diretta. Qui gli utenti sono cresciuti poco meno dell’80 per cento e in un anno sono stati quasi 485mila. In tripla cifra la crescita delle sessioni (+122,29%), che sono quasi 1,9 milioni e delle visualizzazioni di pagina. In un anno sono state lette oltre 3,2 milioni di notizie sul quotidiano on line, che significa +165,69% rispetto all’anno precedente.

Numeri, è vero. Ma che rivelano quanto intorno alle ‘Dirette’ si sia ormai formata e consolidata una community di lettori che ritiene le testate serie, complete e affidabili. Che è poi la mission per la quale sono nate, senza troppi proclami né manie di grandezza: raccontare, in tempo reale, praticamente h24, quello che accade nei territori di riferimento.

Quello che continueremo a fare a Lucca e provincia, nel comprensorio del Cuoio, in Mediavalle e Garfagnana e anche altrove. Perché il 2021 appena incominciato sarà anche un anno di grandi novità. Che invitiamo i lettori a scoprire giorno dopo giorno, rinnovandoci la fiducia sempre dimostrata in questi anni.

E che sia davvero un buon anno per tutti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.