Quantcast

Giani: “La terza dose funziona, per rallentare il contagio è ora inevitabile il lockdown per non vaccinati”

Il presidente della Regione: "Servono più risorse per assumere personale, tracciamento e fare tamponi"

Non si ferma l’aumento dei casi di positività al coronavirus in Toscana e in Valle del Serchio, il presidente della Regione Eugenio Giani chiede un lockdown per non vaccinati.

Coronavirus, una valanga di casi: 696 in più in provincia di Lucca, 89 sono in Valle del Serchio

“La vaccinazione, per fortuna, sta funzionando e la terza dose protegge in modo sempre più evidente – afferma Giani -. L’ondata della contagiosa variante Omicron, nella grandissima parte dei casi, non porta all’ospedale per ventilazione forzata e poi terapia intensiva, ma consente di gestirsi e superare a casa il coronavirus. Per rallentare il contagio è ora inevitabile il lockdown per non vaccinati, già attivo con concreti risultati in Austria e Germania!”.

“Le statistiche sono chiarissime – prosegue -, la prevalenza di ricoveri è data da non vaccinati che, magari, si ricredono sulle loro scelte quando ormai sono in terapia intensiva. In Toscana sono circa 250mila, per superare l’emergenza occorre anche la loro vaccinazione, la salute di tutti la rende scelta irrinunciabile! Mi auguro vivamente che il Governo lo disponga, o almeno consenta alle Regioni di assumere la possibilità in autonomia di compiere questa scelta”.

Dati su vaccini

“Lo Stato centrale deve poi dotare le Regioni, che sono in prima linea, di più risorse per assumere personale negli ospedali, tracciamento e fare tamponi, prevenendo anche i problemi che potrebbero nascere nei prossimi giorni per i contagi tra i sanitari. Sono felice che la scelta, fatta in Toscana – conclude -, di riformare il sistema dei tamponi stia snellendo il sistema, imitata ora da altre Regioni”.

Caos tamponi, da domani basta un rapido per considerarsi positivi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.