Quantcast

Borgo a Mozzano, Orgoglio Comune: “Ancora nessun parco giochi a Oneta”

Il gruppo d'opposizione: "Abbiamo chiesto e sperato di vedere la sua creazione entro la fine di quest'anno, ma ancora nessun progetto"

“Abbiamo assistito in questi due anni ad inaugurazioni sfarzose di parchi-giochi, si pensi a quello di Borgo a Mozzano o a quello di Valdottavo ma, per altre località, il degrado o l’abbandono sono ancora all’ordine del giorno, come a Chifenti“. Esordiscono così i consiglieri in opposizione del gruppo Orgoglio Comune, Lorenzo Bertolacci,  Yamila Bertieri,  Enza Brunini e Indro Marchi.

“Secondo noi – proseguono – ogni frazione dovrebbe averne uno perché il parco-giochi è uno spazio in cui i bambini rappresentano al meglio la propria personalità, un luogo di occasione sociale, una risorsa importante che stimola nei piccoli  la fantasia e risponde al loro bisogno innato di giocare. Più il parco giochi è originale, più adempie alle proprie funzioni anche come luogo di incontro per le persone che abitano soprattutto nei piccoli paesi. Motivo che ci ha portato a segnalare più volte la situazione in cui si trovava quello di Diecimo, oggetto poco tempo fa,  di riqualificazione. A gennaio del 2020 abbiamo depositato un’interrogazione riguardo il Parco giochi/campetto di Oneta considerando inoltre che una famiglia del paese aveva  manifestato, da tempo, l’intenzione di donare una particella di terreno al comune per la sua realizzazione. La risposta che ci è stata data dalla maggioranza (nel 2020) è che l’idea sarebbe stata portata avanti ma, ad oggi il parco nella frazione di Oneta ancora non c’è“.

“Abbiamo chiesto e sperato di vedere la sua creazione prima dell’estate di questo anno, evitando ai bambini di continuare a giocare in una piazza adibita a parcheggio e transito delle auto, poiché abbiamo saputo che si erano conclusi i passaggi burocratici necessari per rendere possibile il trasferimento di proprietà del terreno individuato per la sua realizzazione. Ci auguriamo – concludono Bertolacci, Bertieri,  Brunini e Marchi – che nel prossimo consiglio comunale dato che all’ordine del giorno vi é anche una variazione bilancio, siano individuati i soldi per poter permettere effettivamente e concretamente il passaggio di proprietà del terreno dalla famiglia donante al comune e che presto sia realizzato il parco giochi ad Oneta ponendo fine a questa storia infinita“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.