Quantcast

Piazza al Serchio, tolto il medico di notte al 118. Si alza la polemica: “Ennesimo schiaffo alla sanità della Valle”

L'attacco della Lega: "È una cosa gravissima, visto anche il periodo estivo in cui la Valle ospita migliaia di turisti"

L’ennesimo schiaffo alla sanità di Mediavalle e Garfagnana“. È questo il duro commento della Lega dopo comunicazione che dall’1 agosto l’ambulanza del 118 di Piazza al Serchio sarà senza medico a bordo nella fascia notturna. “Una cosa gravissima – specificano – visto anche il periodo estivo ove sia la Garfagnana che la Mediavalle si apprestano a ospitare migliaia di turisti, con attività culturali e sociali già in calendario”.

La lega Salvini Mediavalle e Garfagnana, con il suo referente della Garfagnana Pierluigi Grandini, il commissario di sezione Luigi Pellegrinotti e il consigliere in regione la capogruppo Lega Elisa Montemagni, non ci stanno.
Il capogruppo Lega in Regione afferma “stiamo combattendo questa battaglia in Regione e nelle piazze del nostro territorio contro i vertici Asl per la politica del non investire nella sanità della Valle. Scelte programmatiche sbagliate hanno fatto si che la nostra Valle si stia ritrovando un ospedale sempre più povero di professionalità, sia a livello medico che paramedico. Questa politica non va incontro alle vere e reali esigenze del territorio, con una popolazione sempre più anziana e bisognosa di cure e prestazioni professionali sempre più al passo dei tempi in termini di nuove tecnologie di analisi e con nuove figure professionali. E’ storico il problema della sanità in Garfagnana e Mediavalle. Due plessi ospedalieri quelli di Castelnuovo e Barga, contrapposti tra di loro dove chi ci rimette è sempre il singolo abitante”.

“La scelta di non fornire dall’1 di agosto, ad un distretto come quello del 118 di Piazza al Serchio – prosegue Montemagni -, di un medico nell’orario notturno la dice lunga su quali obbiettivi futuri possano avere in mente gli alti dirigenti della Asl nei confronti della nostra salute e di quella dei turisti che saranno presenti in questi mesi, dopo una lunga chiusura imposta dalle restrizioni che il Covid-19 ha portato sia agli abitanti di questa valle che a tutte le persone fuori di essa. Già ci siamo mossi in regione per dare voce a questo ennesimo ridimensionamento che non porterà nessuno beneficio prestazionale ma solo di bilancio”.

Il referente della Garfagnana Pierluigi Grandini aggiunge: “ Come gruppo Lega Mediavalle e Garfagnana, abbiamo già effettuato gazebi per le piazze a supporto del potenziamento dei due nosocomi, dopo le varie vicissitudine che tutti conosciamo. Abbiamo lasciato la gente che ci è venuta a trovare al gazebo per firmare la mozione presentata da Elisa, con uno slogan ‘giù le mani dalla Sanità in Garfagnana e Mediavalle’ pronti a scendere nelle piazze per non rinunciare ad un nostro diritto, ovvero a quello della salute e della cura. Ci troverete, sin dai prossimi giorni, nelle piazze principali per ribadire questo concetto ieri, oggi ed in futuro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.