Quantcast

Lega: “Un autovelox fisso per la sicurezza del Brennero a Borgo a Mozzano”

Montemagni, Bertieri e Pellegrinotti: "Auto a velocità troppo elevata soprattutto nelle ore di punta"

Elisa Montemagni, capogruppo in Regione per la Lega Salvini Premier, Yamila Bertieri consigliere comunale a Borgo a Mozzano, assieme ai responsabili delegati della sezione Lega Mediavalle e Garfagnana guidata dal commissario Luigi Pellegrinotti, chiedono una maggiore sicurezza della strada statale 12 del Brennero che passa proprio sul territorio borghigiano.

“L’intero tratto stradale – esordiscono – è da molto tempo oggetto di intervento soprattutto dopo la frana avvenuta a gennaio ma, nonostante si presenti con la bellezza di due semafori, uno dei quali presente da diversi anni (in prossimità dell’incrocio per Corsagna) o con dei chiari cartelli sui limiti di velocità visti i lavori in corso e un cantiere provvisorio, è oggi oggetto di una crescente preoccupazione da parte di alcuni cittadini, causata dalla velocità delle auto sopratutto nelle ore di punta”.

“Una situazione che si verifica – aggiungono Montemagni, Bertieri e Pellegrinotti – con regolarità praticamente giornaliera e sembra sia stata segnalata anche più volte al Comune ma, come le persone ci hanno confermato, finora non c’è stato nessun esito.
Riteniamo che sono episodi da non sottovalutare sia perché è tassativamente vietato dalla legge superare certi limiti di velocità, sia perché quel tratto, specialmente quello adiacente al ponte del Diavolo, è molto frequentato anche dalle persone che vanno a visitare l’antica struttura, simbolo della Mediavalle, che vanno a mangiare nelle attività di ristorazione presenti proprio in quel punto o che si recano ad informarsi all’infotourist, molto utile a dare informazioni ai turisti ma che ad oggi è ancora chiuso, creando un disservizio ad una località dove è situato una delle costruzioni più antiche e originali di tutta la Toscana, dimostrazione di un’altra “medaglia di buon operato” che va al comune di Borgo a Mozzano”.

“Serve, a nostro avviso – concludono – una soluzione concreta per limitare la velocità, ad esempio attraverso la creazione di una segnaletica permanente più chiara o attraverso la possibilità di installare un autovelox fisso utile nel contenere le pericolose velocità che avvengono in quel tratto a discapito dei cittadini, salvaguardando l’incolumità e la vita di coloro che frequentano l’area.
Il tutto permetterebbe alle persone di muoversi in tranquillità ma, anche ai commercianti presenti di poter esercitare la propria attività in piena sicurezza specialmente dopo un anno che li ha visti chiusi a causa delle normativa covid”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.