Quantcast

Orgoglio Comune propone il ‘bollino rosa’ per agevolare la mobilità delle donne incinte

Il gruppo di opposizione di Borgo a Mozzano scrive un'interpellanza

Questa mattina (7 aprile) il consigliere di Borgo a Mozzano Yamila Bertieri con il suo gruppo di opposizione Orgoglio Comune, ha depositato grazie alle diverse segnalazioni e proposte da parte dei cittadini, un’interpellanza con risposta scritta sull’attivazione del “Bollino Rosa”.

“Il bollino rosa – spiega Bertieri- è un’iniziativa rivolta alle donne in stato di gravidanza residenti nel comune. Per una donna in gravidanza, è a volte molto difficoltoso lo spostamento a piedi ed in molti casi, a pochi mesi dal concepimento viene sconsigliato l’affaticamento perché si trovano di fronte a una gravidanza a rischio. Anche nell’ultimo periodo diventa difficile uscire con il ‘pancione’ dall’auto tra le macchine in sosta e inoltre, le conducenti di autoveicoli, che si trovano in stato di gravidanza o le neomamme alle prese con carrozzine e passeggini dei figli piccoli sono soggette a disagi negli spostamenti soprattutto per la difficoltà di trovare un parcheggio. Abbiamo quindi pensato a questa iniziativa per sostenere ma, soprattutto per agevolare la mobilità delle donne in stato di gravidanza e le neo mamme, consentendo loro di sostare il più vicino possibile ai luoghi di lavoro, di cura o dei servizi”.

“Il ‘bollino rosa’ – prosegue Bertieri – consisterebbe in un contrassegno utilizzato esclusivamente dalla persona a cui è stato rilasciato, sia che viaggi sull’auto come conducente che come passeggera al pari dei pass per la sosta riservati ad altre categorie, quali ad esempio gli invalidi e la polizia municipale del Comune potrebbe procedere con i controlli sul suo corretto utilizzo. È inoltre nostra intenzione chiederne l’attivazione su tutti i territori comunali che fanno parte dell’Unione dei Comuni della Mediavalle del Serchio, perché il bollino rosa potrebbe essere molto utile, non solo all’interno del proprio comune di residenza ma, in tutti i luoghi in cui esse per necessità le donne in gravidanza o con bimbi piccoli, si devono spostare. Potrebbe avere una durata da nove a dodici mesi dalla data del rilascio per garantire tale beneficio anche nei primi mesi dopo il parto. Deve essere esposto sul parabrezza anteriore del veicolo lasciato in sosta e va esibito a richiesta degli agenti preposti alla vigilanza. È nominativo e pertanto può essere utilizzato solo ed esclusivamente dalla persona intestataria del bollino rosa, come conducente o come passeggero, su qualsiasi veicolo”.

“La domanda – spiega Bertieri – potrebbe essere presentata verbalmente o online dall’interessata entro 10 giorni presso l’ufficio della polizia municipale; deve essere presentato il certificato medico in originale che attesti lo stato di gravidanza, rilasciato dal medico di base o dal ginecologo; il luogo del certificato medico attestante lo stato di gravidanza; la certificazione di nascita o il certificato di assistenza al parto se la richiesta viene effettuata da altro soggetto è necessaria anche la delega scritta e il documento di riconoscimento della delegante e del delegato; il bollino è gratuito; in caso di smarrimento o furto del bollino rosa è possibile richiedere il duplicato del contrassegno presso l’ufficio preposto. L’interessata o altro soggetto delegato in caso di furto dovrà essere munita/o di denuncia effettuata presso la polizia municipale”.

“I requisiti richiesti sono la residenza nel comune di Borgo a Mozzano o nei comuni che fanno parte dell’Unione dei comuni della Mediavalle del Serchio – precisa Bertieri -; il certificato medico che attesta lo stato di gravidanza, in originale; il documento d’identità/riconoscimento in corso di validità; la delega e fotocopia del documento di identità del delegante (nel caso non si presenti direttamente l’interessato). Considerando che l’intendimento delle amministrazioni comunali è quello di porre in essere interventi atti al miglioramento dei cittadini interpelliamo con risposta scritta l’amministrazione per sapere se vi è la volontà di attuare il Bollino Rosa anche sul territorio comunale di Borgo a Mozzano”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.