L’opposizione: “Remaschi? Avremmo preferito un presidente contrario all’inceneritore Kme”

I consiglieri: "Le alternative c'erano. Poteva essere eletto il sindaco del Comune più grande, Barga"

Da ieri sera (29 gennaio) Marco Remaschi, sindaco di Coreglia, è ufficialmente il nuovo presidente dell’Unione dei Comuni della Valle del Serchio. Eletto coi voti della maggioranza dei Consiglieri, ma non con il voto dei 5 consiglieri di opposizione: Yamila Bertieri di Borgo a Mozzano, Pietro Tosi di Pescaglia, Francesco Feniello e Gesualdo Pieroni di Barga e Claudio Gemignani di Bagni di Lucca.

Mediavalle, Remaschi presidente dell’Unione dei Comuni

Remaschi: “Ci lasciamo alle spalle un anno drammatico, ora dobbiamo ricostruire e risolvere i problemi”

I consiglieri spiegano il motivo di tale scelta: “Riconosciamo a Remaschi indubbia esperienza politica, più di tutti noi.
Intanto, ci fa piacere che anche i sindaci appartenenti il partito politico che ha allontanato Remaschi, ora lo propongano come presidente. Le alternative c’erano, al più, come da regolamento, se la giunta non avesse trovato accordo sul nome, poteva essere eletto il sindaco del Comune più grande, Barga. Eleggendo così il primo presidente donna dell’ente”.

Opposizione Unione Comuni Media Valle

“A nostro avviso inoltre – proseguono -, in un momento così delicato in merito all’iter di approvazione di un imponente impianto di incenerimento rifiuti ancora in fase istruttoria come quello della Kme di Fornaci, sarebbe stato opportuno scegliere un presidente dichiaratamente contrario a tale impianto. Il sindaco Remaschi ma anche il suo predecessore Amadei, non si sono mai espressi in merito alla contrarietà dell’impianto così come progettato in quel sito da tutti ritenuto non idoneo. Ecco perché avremmo preferito un altro presidente. Certo, non è l’unione dei Comuni l’ente che dovrà rilasciare l’autorizzazione ma sicuramente può avere influenza sulle scelte per la parte urbanistico/edilizia, viso che il piano strutturale, è uno strumento di pianificazione territoriale previsto dalla legge Toscana numero 65/2004, che delinea le scelte strutturali e strategiche per il governo del territoro intercomuale attualmente gestito dall’Unione dei Comuni”.

“Ovviamente, comunque – concludono -, facciamo un ringraziamento al presidente uscente per il suo lavoro e un in bocca al lupo al presidente entrante, con la speranza che da ora in poi, come dichiarato ampiamente nel suo discorso, che anche la minoranza venga coinvolta nelle scelte importanti dell’ente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.