Quantcast

Veronesi (Pd), appello al voto per Giani ai fuoriusciti dal partito a Coreglia

Il candidato alle regionali: "Escludere Remaschi grave errore politico, ma ora serve unità"

“Cara Barbara Gonnella e cari Ivo Carrari e Emilio Volpi, scrivo a voi immaginandovi rappresentanti, da quanto leggo sulla stampa, di quei circa 70 dei 90 iscritti ai due circoli Pd di Coreglia Antelminelli che, da oggi, non saranno più tali “in netta opposizione alla scelta della direzione territoriale e regionale di negare il diritto alla rappresentanza a un componente del partito””. Inizia con queste righe la lettera che Alberto Veronesi, candidato Pd al consiglio regionale della Toscana nel collegio Lucca Versilia, ha scritto agli ex iscritti del Pd di Coreglia Antelminelli e che nei giorni scorsi, per protesta contro la mancata ricandidatura dell’assessore Marco Remaschi, hanno stracciato la tessera del partito.

I motivi che lo spingono a scrivere questa lettera, dice Veronesi, sono due: “uno personale, l’altro politico. Sul piano personale, ho una riprova ulteriore dell’ottimo lavoro svolto in questi anni da Marco in Regione Toscana e provo persino un pizzico d’invidia della considerazione e stima che voi, più di chiunque altro, riponete in lui. Vorrei, un domani, nell’amarezza di un momento simile, poter avvertire altrettanto calore intorno a me”.

Il candidato Veronesi, poi, prosegue spiegando il movente politico della sua lettera: “La vostra decisione di stracciare la tessera non è, infatti (e purtroppo) un caso isolato. Si accompagna ad analoghe prese di posizione della sindaca di Villa Basilica, Elisa Anelli, del suo vice Giordano Ballini e del suo assessore Silvio Amata. Stessa cosa è accaduta a Bagni di Lucca con la fuoriuscita di una buona parte di iscritti, a partire dal vicesindaco Sebastiano Pacini. Come ho dichiarato nei giorni scorsi, ho inteso e intendo rimanere fuori da logiche di correnti e sottocorrenti all’interno del Partito Democratico. Tuttavia, non ho nessuna difficoltà a ribadire che la mancata candidatura di Remaschi è stato un grave errore politico e se ne pagherà un prezzo salato in termini elettorali. Detto ciò, sono certo che a nessuno di voi sfugga il difficile momento che stiamo attraversando in Toscana e il rischio che, per la prima volta dal 1970, la presidenza della Regione sia contendibile da parte di una destra per molti versi impresentabile.”

L’invito che Veronesi rivolge ai dissidenti del Pd, è chiaro: “Voglio sperare che la vostra comprensibile amarezza, che si accompagna alla decisione di lasciare il Pd, non arrivi al punto di farvi desistere dall’impegno a sostegno di Eugenio Giani alla presidenza della Toscana. Non volete votare Pd, che a partire dalla capolista Francesca Fazzi, offre un novero di candidate e candidati comunque qualificati ed affidabili? Spero di no, spero che vogliate continuare a dare, comunque, un contributo alla grande tradizione di un grande partito; altrimenti avrete comunque a disposizione altre 5 liste della coalizione su cui riversare non soltanto il vostro voto, ma il vostro straordinario impegno nei dieci giorni che mancano al voto. Poi, dopo il 21 settembre, si faranno i conti anche in casa Pd e, davvero, bisognerà comunque lanciare una sfida per un nuovo centrosinistra che il Pd, da solo, non può e non riesce a sodisfare”.

E conclude: “Faccio quindi appello alla vostra storia e alla vostra sensibilità politica. Aiutiamoci in questo rush finale e diamoci appuntamento, subito dopo il voto, per festeggiare e litigare fra compagni che hanno vinto e non fra reduci che devono contare i morti e i feriti che la miopia di un ceto autoreferenziale rischia(va) di provocare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.