Quantcast

Opposizione Minucciano: “Aumento Tari incomprensibile, la maggioranza cosa ha intenzione di fare?”

Il gruppo di minoranza presenza una interrogazione al sindaco

Polemica sull’aumento della Tari in Provincia, interviene anche il gruppo di minoranza di Minucciano. L’opposizione presenta un’interrogazione urgente al sindaco.

Aumento Tefa, la Provincia: “Impegnati a congelare rincaro per un anno”

“Avendo appreso attraverso gli organi di stampa dell’aumento della tariffa Tari da parte della provincia di Lucca e le relative polemiche che un provvedimento del genere ha suscitato, le sottoponiamo una riflessione ed una richiesta di chiarimento doverosa verso i nostri cittadini – esordisce Minucciano per tutti e il territorio -. In un momento come questo dove da ogni parte e con diverse iniziative governative, regionali od anche di aziende, si cerca di alleviare, posticipare o addirittura cancellare le spese delle famiglie e delle imprese vista la crisi economica generata dall’emergenza Covid-19, la provincia di Lucca agisce all’opposto aumentando una tariffa che inspiegabilmente è già tra le più alte di Italia“.

“Mettendo da parte, al momento, le critiche per scelte amministrative fatte a suo tempo che hanno portato a costi esorbitanti, non si comprende come ad un crescere della raccolta differenziata e ad una relativa diminuzione del rifiuto prodotto invece di diminuire questa tariffa negli ultimi anni sia sempre aumentata. Chiediamo al sindaco se fosse stato a conoscenza di questa intenzione e se i riferimenti che l’amministrazione ha in consiglio provinciale, da questa amministrazione eletti in quel ruolo, avessero informato e dato relative motivazioni, se intende mettere in atto qualche forma di protesta o azione anche di concerto con altri sindaci che già si sono espressi in tal senso, per far sì che questo ulteriore balzello a carico dei cittadini possa essere rivisto dalla provincia stessa”.

“Non ci consola e lo anticipiamo – concliudono – il fatto che come già in altri comuni questa tariffa possa esser pagata dal comune stesso e non girata direttamente in bolletta ai cittadini perché si tratterebbe di un gioco delle tre carte, quelle risorse li destinate verrebbero comunque sottratte ad altre iniziative a favore diretto o indiretto della popolazione. Nel caso il sindaco e questa maggioranza volessero porre in essere azioni avverse a questo inopinato e intempestivo provvedimento anticipiamo già da ora il nostro sostegno a qualsiasi iniziativa in tal senso“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.