Marchetti: “Aspiranti agricoltori, la Regione respinge il 63% dei progetti”

Il capogruppo in Regione di Forza Italia analizza i dati Coldiretti

“Under 35 aspiranti agricoltori lasciati a sogni spenti dalle burocrazie”: sono queste le parole del consigliere regionale Maurizio Marchetti, che attacca la Regione sul tema dell’agricoltura.

In Toscana il 63% dei progetti di giovani aspiranti agricoltori viene respinto – commenta Marchetti -, contro una media nazionale del 55% e dunque già non brillante. Per di più, paga solo il 23% degli interventi ammessi a finanziamento, con grave danno per i ragazzi che avviano un’impresa agricola. Lo afferma un’indagine Coldiretti, e il dato regionale così poco performante è frutto delle burocrazie che strangolano i sogni di ruralità dei nostri ragazzi. Un peccato, in una terra come la Toscana i cui orizzonti più celebri sono stati modellati nei secoli proprio dall’attività dei nostri contadini, pastori, boscaioli”.

“Tra i nostri ragazzi – afferma Marchetti – c’è voglia di terra. I percorsi di formazione universitaria oggi assecondano questa attitudine e i nostri atenei, anche in Toscana, preparano i giovani ad affrontare le nuove sfide dell’agricoltura, della zootecnia, della selvicoltura e così via ma poi a livello istituzionale non si è in grado di fornire uno sbocco a questi saperi. A livello nazionale Coldiretti quantifica la perdita di mezzo miliardo annuo di valore aggiunto potenziale, e i dati sui progetti presentati per i bandi di accesso alle risorse europee per i Piani di sviluppo rurale sono un dispiacere. Mentre in Lombardia sono state bocciate appena il 13% delle domande, in Toscana i progetti respinti sono stati il 63%. Tantissimo. E la responsabilità individuata non da noi ma da Coldiretti risiede in difetti nelle procedure delle amministrazioni regionali”.

“Come se non bastasse – rincara – tra coloro che sono ammessi a finanziamento, poi i neoimprenditori che si vedono effettivamente liquidare la cifra pattuita risultano appena il 23%. E’ uno standard inaccettabile. Già, in Toscana, il settore manca di sostegni rispetto ai mutamenti climatici, alle predazioni, alle razzie degli ungulati e ai problemi di filiera. Pd e sinistre ascoltano, fanno passerelle, e poi non producono risultati. Così chi già opera nel settore rischia di veder morire la propria azienda, mentre ai giovani non si apre l’accesso al settore intrappolato in una ragnatela di burocrazie che, sempre secondo i dati di Coldiretti, oltre a frenare l’avvio di impresa sottrae al lavoro 100 giorni l’anno. Un delitto. A Pd e sinistra che hanno generato questo monstre burocratico un tempo si sarebbe detto ‘andate a zappare la terra’. Oggi diventa difficoltoso anche quello”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.