Andreuccetti-bis, bilancio dei primi 6 mesi: “Centri sanitari di Diecimo e Valdottavo sono la priorità”

Tra gli obiettivi anche la scuola civica di musica a Borgo e la piazza nel centro del paese a Corsagna

Dal tema della scuola fino a quello delle opere pubbliche: dopo sei mesi di mandato, il sindaco Patrizio Andreuccetti fa un primo bilancio e fissa gli obiettivi per il futuro: “I centri sanitari a Diecimo e Valdottavo sono una priorità, così come lo sono la scuola civica di musica a Borgo e la piazza nel centro del paese a Corsagna”.

“Dopo sei mesi del nuovo mandato – esordisce Patrizio Andreuccetti – è giunto il momento di fare il punto della situazione. In questo periodo è stato possibile portare avanti molte cose programmate in precedenza, prevederne di nuove per il futuro, ma è anche stato necessario rivedere alcuni piani sulla base di esigenze reali che si sono presentate”.

L’analisi del sindaco parte dal tema della scuola

Partiamo dalle promesse. La mensa per i primi anni di elementari e materne è gratis sotto i 15mila euro di Isee, in più stiamo predisponendo sconti a scaglioni di reddito fino ai 36mila. L’asilo nido è praticamente gratis per tutte le famiglie almeno fino a dicembre, ma già stiamo lavorando perché lo sia per tutto l’anno scolastico.

Il primo cittadino prosegue toccando il tema delle opere pubbliche

Sul fronte della opere pubbliche la gran parte delle cose stanno procedendo secondo programma: stanno per concludersi i lavori al parcheggio della chiesa di Valdottavo; è stato realizzato l’intervento di asfalto all’ingresso di Borgo; si è inaugurato il parcheggio in Via del Forno a Diecimo; abbiamo ottenuto i finanziamenti dalla Regione per riqualificare nel complesso la scuola di Dezza; è stata riqualificata la piazza di Partigliano; è pronto per la gara il lavoro di riqualificazione del lastricato in pietra davanti San Iacopo; sono quasi conclusi i lavori al parco giochi di Borgo e già finanziati sempre dalla Regione sono i lavori a quello di Valdottavo; sono iniziati i lavori di restauro completo del Ponte del Diavolo per più di 400mila euro, così come pronti per la gara sono i 160mila euro per l’ultimo lotto del Bargiglio; abbiamo concordato con la linea gotica un intervento di 30mila euro per spostare il museo dalla stazione alle Oblate; il 19 dicembre vi sarà la conferenza dei servizi per approvare il progetto esecutivo della rotatoria di Anchiano; è in fase avanzata il progetto a led per sostituzione e nuovi punti luce; la scuola elementare di Borgo è pressoché conclusa, un gioiello di edificio che proietta la comunità nei prossimi 30 anni. E potrei continuare, perché gli interventi programmati e realizzati, così come i finanziamenti ottenuti sono davvero tanti.

Patrizio Andreuccetti si difende dagli attacchi

Ci sono poi cose che avevamo promesso e finanziato, che per ragioni contingenti non siamo riusciti ancora a realizzare, ma che rimangono priorità di mandato. E’ bene ricordarlo: stiamo qua per cinque anni, non per sei mesi, quindi c’è tutto il tempo per programmare e fare. Chi ha amministrato o chi ha un po’ di esperienza politica lo sa, quando si amministra capita che durante l’anno vi siano variazioni di bilancio da fare, e se il sociale per sopraggiunte necessità chiede 50, 60 o 100 mila euro in più del previsto, non ci si può esimere dal mettere a disposizione le risorse, che però spesso vengono tolte alla tal strada o alla tal piazza. Ci tengo però a ribadire che tali strade o tali piazze, seppur rimandate rispetto a quanto si era detto, saranno rimesse in programma e realizzate non appena vi saranno le risorse disponibili. Ci tengo anche a rivendicare quanto fatto per mantenere adeguato il livello ed il numero del personale comunale. In un’epoca in cui a pensionamenti non corrispondono assunzioni, il nostro ente ha saputo far quadrare i conti dando la possibilità a nuovi professionisti di mettersi a disposizione della comunità: sono i casi dell’operaio scavatorista, dell’elettricista, di due geometri, di un ingegnere, di più agenti della polizia municipale. Questo al primario scopo di mantenere alti i servizi.

Un progetto importante per il Comune di Borgo è quello del Pit

Ci sono poi cose in più, dall’importanza centrale, che grazie alla capacità progettuale di amministratori e uffici ci permettono di fare un salto di qualità. E’ il caso del Pit da 400mila euro per il rilancio del centro storico di Borgo, che vede fondi per pubblico e privato in una sinergia che per il nostro territorio non ha precedenti. Si faranno interventi su strade e piazze e contestualmente saranno realizzati un agriturismo e un albergo diffuso, in più vi saranno migliorie per le attività commerciali che hanno aderito.

Il sindaco adesso pensa al futuro 

Infine, ma non da ultimo, questi sei mesi sono serviti anche per programmare il futuro. I centri sanitari a Diecimo e Valdottavo sono una priorità, così come lo sono la scuola civica di musica a Borgo e la piazza nel centro del paese a Corsagna, per citare esempi tra i principali. Il nostro obiettivo è quello di proseguire, passo dopo passo, il miglioramento della qualità della vita sul nostro territorio, avendo chiaro che nessuno ha la bacchetta magica ma che testa, cuore e programmazione sono alla base di una crescita armonica di tutto il Comune.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.