Quantcast

Orgoglio Comune: “Orari delle Poste, caso da risolvere”

I consiglieri: "Segnaliamo il problema da un anno"

Orari delle Poste a Borgo a Mozzano, Orgoglio Comune insiste e rilancia il tema dei servizi.

“Ci fa piacere – si legge infatti in una nota – che il primo cittadino ma non solo, abbia sollevato la questione  delle”Poste” poiché come gruppo di opposizione noi  di Orgoglio Comune è da marzo del 2020 che affrontiamo la tematica e non solo a livello social ma, anche e soprattutto attraverso le sedi istituzionali opportune. Per questo invitiamo la cittadinanza a partecipare ai consigli comunali: per essere sempre aggiornata sulle tematiche da noi affrontate più volte, accompagnate da proposte e soluzioni”.

“In particolare modo- sottolineano i consiglieri – ci siamo occupati  del problema  degli orari che già un anno fa e non  solo in questo periodo, stavano creando molti disagi.  Ad agosto dello stesso anno inoltre,  molti cittadini ci avevano segnalato dei disagi all’utenza per l’apertura a giorni alterni dello sportello postale. Disagi  come la formazione di file con lunghe code che costringevano gli utenti ad aspettare fuori per molto tempo prima di poter svolgere una qualsivoglia operazione e la conseguente difficoltà di mantenere le distanze interpersonali. A dicembre 2020 abbiamo posto nuovamente la questione all’attenzione dell’amministrazione con l’impegno di confrontarsi con l’ente poiché era stata sollevata l’ipotesi di una probabile chiusura per quella di Diecimo.  Infine, nel gennaio del 2021 siamo tornati ad affrontare ancora la tematica  perché, anche se la struttura non ha chiuso, il servizio è stato previsto solo per tre giorni a settimana e quindi stavano continuando ad esserci  forti problematiche all’interno di una vasta area di abitanti.  Ad oggi però  la situazione non è molto diversa da un anno fa anzi, le Poste hanno continuato a ridurre  gli orari di ufficio sia a Diecimo che a Valdottavo  nei mesi estivi di luglio e di agosto e  anche se la questione è stata affrontata più volte  in consiglio comunale il primo cittadino si è limitato solo a  impegnarsi per far riprendere l’orario normale da settembre. Noi crediamo che sia giunto il momento di risolvere  il tutto in maniera definitiva e celermente. Capiamo che forse la riduzione degli orari di apertura al pubblico è stata determinata dall’emergenza sanitaria durante il lockdown ma, ad oggi, sembra più una scelta aziendale  cosa che i cittadini  e noi non giustifichiamo. Molte persone infatti,  ci hanno fatto notare  che il problema  non è solo di coloro che usufruiscono spesso dei servizi ma, anche dei tanti utenti che devono raggiungere l’ufficio postale per effettuare spedizioni, ritirare la corrispondenza, effettuare dei pagamenti o dei versamenti e svolgere tutti i servizi offerti. Crediamo inoltre, che i  comuni della Mediavalle e Garfagnana, dove è presente tale problematica,  debbano intervenire e collaborare con l’ente per cercare di garantire un’apertura in più sperando che questo disservizio sia presto risolto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.