Rinnovo del contratto, sciopero negli stabilimenti Sofidel foto

Mobilitazione di sindacati e lavoratori anche per il premio di risultato

Ancora uno sciopero alle 4 cartiere della Sofidel, Gruppo Regina, nell’ambito della vertenza che vede le maestranze contrapposte all’azienda, per il rinnovo del contratto integrativo, dopo la rottura del tavolo contrattuale da parte dell’azienda, all’inizio del dicembre scorso.

I lavoratori della Soffass Valdottavo, Soffass Val Fegana, Soffass di via Leccio e Soffass di via Giuseppe Lazzareschi hanno incrociato nuovamente le braccia, oggi, con 8 ore di sciopero concomitanti col turno del pomeriggio e hanno dato vita ai presidi, di fronte ai cancelli degli stabilimenti, coinvolgendo il personale smontante e quello scioperante di tutte e 4 le realtà.

“La protesta – spiegano i sindacati – è forte contro un’azienda che ha voluto abbandonare il tavolo, rifiutando di farsi carico delle questioni oggettive che rimanevano da risolvere, chiedendo, però, un anno in più di contratto, rispetto a quelli sui quali si era discusso fino all’ultimo. Noi a quella richiesta non ci eravamo sottratti. Diverso e opposto è stato l’atteggiamento aziendale. Addirittura, si è cominciato a dire in giro che la scelta sindacale di aprire la mobilitazione era un atto pretestuoso contro la proprietà. Se così fosse, qualcuno ha la responsabilità di aver raccontato un’enorme bugia e le bugie hanno le gambe corte, contrariamente alle ragioni che ci motivano. I lavoratori stanno scioperando a sostegno delle richieste avanzate per il rinnovo del contratto integrativo, che dovrà comprendere le soluzioni che compongano adeguatamente tutto il quadro, compreso il premio del 2020 – e nessuno si è scordato la manovra scorretta sulle 200 € di bonus legate al Covid, che non sono state erogate, a dicembre, ai lavoratori delle cartiere che avevano avviato la mobilitazione”.

“In questi stabilimenti – si aggiunge – c’è da recuperare un rapporto fiduciario con le persone e riconoscere la dignità del loro lavoro, la cui prosecuzione ininterrotta in questo anno difficile è stata importante e decisiva per dare una risposta al fabbisogno straordinario e urgente di prodotti Tissue da parte delle famiglie e delle strutture sanitarie (fazzoletti, tovaglioli, asciugatutto, carta igienica), determinato dallo scoppio e dal dilagare della pandemia. Grazie a questo importantissimo contributo, l’azienda ha potuto capitalizzare importanti risultati economici. Come è avvenuto per tutte le aziende del distretto cartario. Negli altri casi, però, i contratti sono stati chiusi e i bonus erogati, senza alcun vincolo, ma come semplice, ma fondamentale, riconoscimento e gratitudine per quello che era stato fatto, per la collaborazione di tutti. Un clima di squadra che, invece, purtroppo, qui, manca”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.