Pannello alla rocca di Sommocolonia nel mirino di Fdi foto

Gli esponenti dell'opposizione: "Un cubo di cemento che crea un danno di immagine"

E’ polemica a Barga per l’installazione alla rocca di Sommocolonia. A farsi portavoce della protesta è Fdi i Barga: “L’opera realizzata proprio al fianco della storica rocca di Sommocolonia, giustamente finita alla gogna social nei giorni scorsi, lede la dignità di tutta la frazione creando un danno all’immagine e di conseguenza alla potenziale attratività turistica della rocca. Un cubo in cemento, privo di qualsiasi senso artistico o rispetto per lo stile architettonico di Sommocolonia, che sarebbe inguardabile in qualsiasi contesto che non siano delle palazzine di epoca sovietica, è stato infatti realizzato al fianco della Rocca di Sommocolonia, terreno che già in passato ha fatto parlare di sé per la realizzazione di un Museo della Resistenza allo stesso modo stilisticamente incompatibile con le costruzioni dell’antica frazione barghigian”a.

“Già in passato FdI è intervenuta sulla questione tramite Luca Mastronaldi, responsabile ed ex consigliere comunale di Barga, condannando la realizzazione di questi sciagurati lavori – si legge nella nota -. Ora, che ormai l’opera è stata realizzata nonostante l’opposizione, FdI Barga con i suoi responsabili nel comune Luca Mastronaldi e Boggi Tommaso, chiedono a gran voce quanto effettivamente sia costato questo lavoro. FdI Barga chiede anche come sia stato possibile che venisse autorizzato dalla Soprintendenza ai Beni Culturali anche se, visto come fu approvato anni fa l’orrore dell’ascensore al Teatro dei Differenti, che fu addirittura oggetto di indignazione da parte del critico d’arte e senatore Vittorio Sgarbi, iniziamo a pensare sia considerato normale per tutte le istituzioni che a Barga si affianchino edifici storici con blocchi di cemento armato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.