Andreuccetti conclude il mandato da presidente dell’Unione: “Ora priorità alle infrastrutture, servono due nuovi ponti”

Il bilancio dei risultati ottenuti: "Sono stati anni di grande soddisfazione". Remaschi verso la nomina come successore

Dopo tre anni alla guida dell’Unione dei Comuni della Media Valle del Serchio, giunge al termine il mandato da presidente di Patrizio Andreuccetti. Eletto il 26 gennaio del 2018 succedendo a Bonfanti, Andreuccetti è stato il primo presidente dell’Unione a rappresentare Borgo a Mozzano dopo più di 30 anni.

“Sono stati anni intensi – sottolinea Andreuccetti -, dove in mezzo sono passate sia la mia rielezione a sindaco che quella di tutti gli altri colleghi. Abbiamo vissuto e stiamo vivendo la pandemia, che per la nostra gente, e anche per i nostri uffici e operai, ha rappresentato e rappresenta un periodo di difficoltà senza precedenti. Nonostante ciò non ci siamo fermati, ed i progetti che abbiamo realizzato, molti dei quali vengono lasciati in eredità, sono davvero tanti. Per me sono stati anni di grande soddisfazione, vissuti di concerto con gli altri sindaci, ma anche per via di un po’ di orgoglio, in quanto sono stato il primo presidente di Borgo a Mozzano dalla metà degli anni Ottanta. Ringrazio tutti gli uffici, gli operai, tutti i sindaci in carica ed i sindaci, oggi non più in carica, con cui abbiamo condiviso questo bellissimo cammino”.

Patrizio Andreuccetti

Con il consiglio di venerdì sera (29 gennaio) sarà eletto il nuovo presidente, che dovrebbe essere il sindaco di Coreglia Marco Remaschi: “Da componente della giunta – recisa Andreuccetti – continuerò a dare il mio massimo sostegno e la mia totale collaborazione”.

I progetti realizzati in 3 anni di presidenza Andreuccetti

Dai 4 milioni per gli investimenti per il servizio di bonifica e il servizio frese demanio (per un totale di 108 singoli interventi) fino all’apertura del progetto per portare in Valle del Serchio un finanziamento da 15 milioni di euro per la qualità dell’abitare: Andreuccetti ha riassunti in pillole i tre anni di lavoro alla guida dell’Unione.

Turismo. “Abbiamo costituito con la Garfagnana il nuovo ambito turistico della Valle del Serchio, così da realizzare un piano univoco che per la prima volta metta insieme le migliori energie attrattive di tutto il territorio. Grazie alla collaborazione con Gal e Regione Toscana abbiamo lavorato per la costituzione della via del Volto Santo e della via Matildica del Volto Santo, snodi fondamentali per l’efficacia dei cammini. È stato potenziato, con una gestione stabile e duratura, l’Info Point a Borgo a Mozzano”.

Garfagnana e Valle fanno rete per la promozione turistica

Cultura. “Oltre al proseguimento de ‘La Valle dei Presepi’, abbiamo potenziato la partecipazione alle principali manifestazioni del territorio. Samo stati in prima linea per il progetto ‘My Heritage’: alla scoperta del patrimonio culturale dei nostri paesi con gli occhi dei bambini. Abbiamo incentivato la valorizzazione di siti come quello della Linea Gotica, grazie a realizzazione di video dedicati”.

Protezione Civile. “Potenziamento struttura a Piano di Gioviano: lavori copertura tettoia (finiti), sistemazione piazzola atterraggio elicottero (in corso). Convenzione e collaborazione con Soccorso Alpino, con stampa volantino Sicuri a Cercar Funghi. Potenziamento e revisione struttura interna Pc. Potenziamento e rafforzo rapporto con associazioni di volontariato. Importante nel periodo Covid il servizio di spesa a domicilio per il quale abbiamo avuto un finanziamento da euro 25mila euro da Asl e svolto con le associazioni di volontariato”.

Pesca.”Proseguimento lavoro su ripopolamento trota fario; progetto ‘Pronto Pesca’”.

Società dell’informazione.”Conclusione progetti piano locale; nascita ufficio transizione digitale”.

Servizio bonifica. “In tre anni sono stati realizzati 60 interventi, per un totale di 2.132.122,98 euro, di cui 741.820,75 nel 2018, 970.186,09 nel 2019, 420.116,14 nel 2020”.

Servizio foreste demanio. “In tre anni sono stati realizzati 48 interventi, per un totale di 1.939.270,34 euro, di cui 381.736,10 nel 2018, 370.821,28 nel 2019, 1.186.712,94 nel 2020”.

Fondi Bim
. “Insieme alla Garfagnana abbiamo lavorato per il recupero di vecchie somme spettanti ai comuni, per un totale di circa 10 milioni  di euro e per mettere a regime somme di cui ogni comune ha annualmente diritto”.

Urbanistica. “Abbiamo realizzato, per la prima volta in forma associata, il piano strutturale intercomunale, così da disegnare un territorio unito ed univoco sulle scelte strategiche, un lavoro propedeutico al futuro piano operativo”.

Il cammino del giglio selvatico. “Per più di 200mila euro, vede interventi al confine tra comuni per il miglioramento di mulattiere e vie di collegamento, che sarà realizzato nel 2021”.

Qualità dell’abitare. “Di concerto con la Garfagnana abbiamo iniziato a lavorare ad un progetto di Valle del Serchio, per un totale di 15 milioni di interventi, da presentare ad un bando della Regione Toscana, così da offrire al nostro territorio uno sviluppo complessivo che sappia guardare ai prossimi venti anni”.

Le priorità per il futuro

Il presidente uscente ha elencato le priorità per il futuro, anche in vista di una ripartenza post Covid in cui anche i Comuni della Mediavalle si vogliono far trovare pronti.

Si parte dal sentito tema della viabilità e della manutenzione del territorio, con il 2021 iniziato tra danni e disagi dovuti al maltempo. “Lo ripeto ancora una volta: i nostri territori sono fragili, serve il concreto aiuto di Stato e Regione – commenta Andreuccetti -. I bilanci dei comuni non possono fare fronte da soli a queste situazioni. Con l’emergenza di questo gennaio a Borgo a Mozzano abbiamo avuto danni da 50mila euro e rischiamo di aver investito una buona parte dei soldi per la manutenzione di tutto il 2021. Non è pensabile: servono risorse ad hoc. I comuni non possono essere lasciati soli. C’è bisogno di una risposta ai cambiamenti climatici”.

Maltempo, frane e strade chiuse a Borgo. Il sindaco: “Servono più risorse”

Priorità anche alle infrastrutture: “È fondamentale il ripristino del Brennero – sottolinea Andreuccetti -. Anas interverrà con lavori da 6 milioni di euro su tutto il versante. Non sono promesse, è uno stanziamento effettivo. Dobbiamo investire sulle infrastrutture, due sono le opere importanti da realizzare: il nuovo ponte tra Borgo e Socciglia, in cui c’è già un finanziamento da 100mila euro dalla Regione, e il nuovo ponte da Fornoli a Piano della Rocca“.

Un nuovo ponte sul Serchio fra Borgo a Mozzano e Socciglia: l’opera nel piano strutturale intercomunale

Frana sul Brennero, Michelini: “Serve una nuova viabilità di collegamento tra Bagni di Lucca e la Ludovica”

Non solo: “La priorità assoluta – conclude Andreuccetti – devono essere la scuola e la sanità territoriale. Priorità anche al turismo, volano per la ripartenza economica del nostro territorio”.

Borgo, prende forma il nuovo museo della Linea Gotica

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.