Quantcast

Bagni di Lucca punta sul rilancio del Bagno Bernabò: c’è il nuovo gestore

Dopo il bando, l'immobile è stato affidato alla costituenda "Società Bagni di Lucca srl"

Lo storico Bagno Bernabò di Bagni di Lucca ha un nuovo gestore. È questa l’importante novità che emerge da una determinazione del Comune, che, dopo l’apposito bando, ha affidato la struttura alla costituenda Società Bagni di Lucca srl.

Il complesso è inutilizzato da più di un anno e adesso una “cordata” locale prova a rilanciare l’antica attività termale/centro benessere.

L’immobile, così come si legge nel bando del Comune, è realizzato in pietra intonacata, con infissi in legno e manto di copertura in cotto e falda inclinata, salvo per due piccole appendici sui prospetti nord e sud con copertura a mezzo padiglione. L’edificio si sviluppa su un unico piano, gli ambienti si articolano attorno ad un salone centrale e sono costituiti da vari locali, da camerini con le vasche per i bagni, da un sala della piscina e da locali di servizio. L’edificio è addossato alla parete rocciosa del rilievo collinare, dalla quale sgorgano le acque termali che vengono raccolte.

Bagno Bernabò Bagni di Lucca

La durata della concessione prevista dal bando è di 6 anni, rinnovabile per altri sei.

A carico del concessionario, oltre al canone annuo, ci saranno anche i lavori necessari per la riapertura dell’immobile, chiuso e con utenze staccate da circa tre anni, quali la rimessa in funzione degli impianti (idrici, elettrici e di riscaldamento), la riparazione dei lucernari, degli infissi, la ripulitura delle canale intasate.

In virtù di questi lavori, durante il primo anno ci sarà uno sconto del 50% sul canone. La riduzione cesserà dopo il primo anno qualunque sia la spesa sostenuta.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.