Albergo diffuso e nuove funzioni, Borgo progetta il rilancio del centro storico

Definiti al Gal i progetti di intervento resi possibili dall'accordo territoriale sul Pit

Si è concluso giovedì (30 luglio) il termine per la presentazione al Gal Montagnappennino delle domande d’aiuto del progetto integrato territoriale – La Quadratura del Serchio, sviluppato da un partenariato pubblico-privato con capofila il Comune di Borgo a Mozzano. Attraverso il progetto elaborato, che ha partecipato allo specifico bando indetto dal Gal nel 2018, i soggetti pubblici, privati e sociali, portatori di interesse nel territorio comunale e in particolare nel capoluogo, hanno elaborato una strategia di promozione e rilancio a 360 gradi del centro storico, delle sue emergenze culturali e dei suoi valori da rafforzare e potenziare.

La proposta è stata premiata dal Gal, che ha assegnato al pit un contributo complessivo di 344.704,07 euro, elevabile a 403.561,10 euro in caso di sopravvenienze economiche nell’ambito del procedimento. La sinergia fra pubblico e privato, sperimentata dall’amministrazione per la prima volta nei confronti di un progetto di rilancio dell’intero capoluogo, rappresenta un intervento senza precedenti nel contesto locale e inaugura un metodo di collaborazione attraverso il quale ricostituire relazioni economiche, culturali e di sviluppo per l’intero territorio.​

Di grande interesse la proposta dei partecipanti diretti privati, che hanno ottenuto contributi per la realizzazione e l’attivazione di strutture ricettive (un albergo diffuso, un B&B, il potenziamento dei servizi di una funzione alberghiera già esistente), che rafforza il sistema dell’accoglienza locale. Importante anche il contributo assicurato alle aziende agricole partecipanti, che attraverso gli investimenti proposti, hanno creduto nella possibilità di miglioramento della propria redditività e competitività aziendale. Fortemente innovativi infine gli interventi per la creazione e lo sviluppo delle attività commerciali, con l’approdo nel mondo dell’e-commerce del commercio tradizionale.​

Di grande rilevanza gli investimenti promossi dal Comune che hanno ricevuto un finanziamento complessivo di 177.980 euro, che consentiranno di compiere importanti riqualificazioni e restauri di fabbricati e spazi pubblici. Sono previsti, in particolare, il restauro delle Logge di Piazza XX Settembre, l’intervento di ripristino di un tratto della copertura e della pavimentazione esterna dell’Ex Complesso delle Oblate, la riqualificazione dell’area pedonale di Piazza Garibaldi, e l’individuazione di un percorso e di spazi per la fruizione pedonale e lenta del centro storico. Fondamentale per la promozione turistica del territorio anche l’intervento di completamento della riqualificazione dell’area di sosta del Ponte del Diavolo, lungo la SS 12, punto nevralgico per i percorsi di visita del capoluogo, e per la conoscenza e la percorrenza degli itinerari storici e per la via Matildica del Volto Santo.

Non meno significativi gli investimenti sul patrimonio agricolo pubblico, con il recupero dell’interessante area del Tirassegno e la realizzazione di un collegamento pedonale fra Tombeto e il Centro Storico; e la realizzazione di uno spazio polivalente all’interno del quale concentrare le funzioni di innovazione e promozione del sistema culturale e soprattutto delle attività produttive della comunità borghigiana.​

Un complesso di interventi uniti dalla volontà di determinare per Borgo a Mozzano nuove e attrattive funzioni in grado di aumentare la qualità della vita degli abitanti, e l’appeal del turismo. Si apre dunque un cantiere per tutto il centro storico, che ha l’ambizione di avviare un processo di trasformazione rispettosa e innovativa del capoluogo. ​

Partecipanti diretti e indiretti dell’accordo territoriale alla base del Pit si incontreranno martedì (4 agosto) alle 18,30 nel Salone delle Feste, per la definizione delle fasi attuative e di gestione degli impegni convenuti, in preparazione dell’avvio delle realizzazioni. I partecipanti diretti sono stati incontrati a fine maggio.

“La nostra amministrazione – afferma il Sindaci Patrizio Andreuccetti – ho creduto fin da subito nelle potenzialità turistico commerciali del nostro comune e il progetto Pit è uno dei risultati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.