Bagni di Lucca, riqualificata la via termale. Gimbastiani: “Recuperato un luogo magico da anni nascosto e inaccessibile” fotogallery

Soddisfazione per l'assessore alle terme e alla viabilità: "La strada è stata riportata al suo antico splendore"

La storica via di Bagni di Caldi è stata riqualificata. È questa l’iniziativa dell’amministrazione comunale di Bagni di Lucca, che ha voluto riportare il luogo al suo antico splendore. Sulla strada termale è stato svolto un lavoro di restauro e ripulitura dei versanti e la sistemazione degli antichi vialetti pedonali: adesso i cittadini potranno tornare a visitare lo storico luogo.

Soddisfatto l’assessore Carlo Giambastiani: “Dopo anni di abbandono, era giunto il momento di restituire a Bagni di Lucca ed a tutti i turisti che la frequentano un colle termale degno di tale nome. Come assessore alla terme ed alla viabilità insieme a tutta l’amministrazione abbiamo concordato che non era più sostenibile una situazione talmente disastrata e ci siamo adoperati per trovare le risorse economiche affinché la via delle terme venisse riportata ad antico splendore. Dai carteggi comunali e dalle testimonianze degli abitanti di Bagni Caldi, risulta che erano almeno venti anni che non veniva fatto un lavoro di ripulitura dei versanti. È importante ricordare che su questa strada si affacciano alcuni stabilimenti termali di primaria importanza come il Bagno Bernabò, che si trova vicinissimo alla piazza di Ponte a Serraglio, l’ingresso allo stabilimento delle Docce Basse e il Bagno San Giovanni“.

“Inoltre – prosegue l’assessore – la strada collega agli stabilimenti termali Casa Boccella e Jean Varraud che sono sempre funzionanti ed aperti tutto l’anno. Nel fare il lavoro di restauro e ripulitura dei versanti si è provveduto alla sistemazione degli antichi vialetti pedonali, stupenda passeggiata che domina la frazione di Ponte a Serraglio con bellissime vedute sul torrente Lima”.

“Altro punto riportato alla luce è la zona delle ‘Fontanelle’. Chi è appassionato della nostra storia e chi conosce le bellezze del colle termale saprà apprezzare il recupero di questo posto che potremmo definire ‘magico’, purtroppo da anni nascosto dalla vegetazione e inaccessibile. È per me motivo di grande soddisfazione – conclude Giambastiani – poter restituire a tutti i cittadini la possibilità di tornare a visitare questo luogo bellissimo che fa parte della nostra storia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.