Progetto Comune: “Rinviare i tributi comunali non basta”

Appello a sindaco e giunta: "Bisogna fare di più e dal governo aspettiamo risposte"

“Siamo fortemente preoccupati per le conseguenze che questa tremenda crisi
porterà, oltre che sul piano economico nazionale, soprattutto su quello locale.
Nel nostro territorio comunale ci sono piccole e medie realtà imprenditoriali
che svolgono la loro attività nel campo del commercio, della ristorazione,
dell’artigianato, dei servizi alla persona e del turismo; settori che sono oggi,
più di altri, fortemente penalizzati“. E’ per questo che i consiglieri di Progetto Comune chiedono a Barga uno sforzo in più: “Rinviare i tributi a fine estate non basta”.

“Per questi imprenditori e per tutti gli altri piccoli e medi imprenditori che,
passata questa crisi – scrivono i consiglieri – dovranno trovare le energie e le risorse economiche per ripartire, si ritiene che la decisione resa pubblica di recente dall’amministrazione comunale, di rinviare, a fine estate, i termini di pagamento dei canoni della Tosap e della Icp, con scadenza al 30 aprile prossimo, e forse, della prima rata della Tari, non possa bastare. In merito chiediamo che, gli uffici preposti, come prima ed immediata misura di sostegno alle attività economiche ed imprenditoriali, su sollecitazione dell’amministrazione, detraggano da quanto dovuto per la tassa dei rifiuti, l’importo relativo al periodo di chiusura (infatti durante la chiusura non hanno prodotto rifiuti)”.

“Rimaniamo anche in attesa – aggiungono – di conoscere quali saranno le scelte che dal Governo nazionale verranno prese in merito alla imposizione fiscale degli enti locali sperando che non ci si limiti a meri rinvii delle scadenze dei pagamenti. Già ad oggi, si lancia, pertanto, la proposta di aprire, un secondo dopo che sarà dichiarata la fine di questa fase di emergenza 1, un tavolo istituzionale in Comune dove la sindaca, la giunta, i rappresentanti della maggioranza e della minoranza consiliare possano incontrare i rappresentanti delle associazioni imprenditoriali locali e i singoli imprenditori che lo vorranno per discutere tutti insieme e concordare le misure fiscali, economiche e promozionali che possano essere sin da subito messe in campo per rilanciare le piccole e medie attività imprenditoriali che questa crisi così drammatica ha penalizzato. Come già partecipato al Sindaco, sin dall’inizio di questa crisi, ribadiamo la nostra disponibilità a collaborare per qualsiasi esigenza in questa fase emergenziale nell’interesse dell’intera comunità”.

“Rispettiamo le regole e nei luoghi pubblici, se pur non previsto – scrivono -, invitiamo tutti ad indossare le mascherine per proteggere noi stessi e gli altri. Cogliamo l’occasione per esternare un saluto affettuoso all’intera cittadinanza con i più sinceri auguri di buona Pasqua e l’augurio di poter tornare quanto prima alla normalità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.