Organizzano una “rimpatriata”, quattro denunciati in Valle

Il sindaco di Pescaglia: "E' necessario restare a casa"

Altre 4 denunce in Valle del Serchio per spostamenti non autorizzati. A confermarlo è il sindaco di Pescaglia, Andrea Bonfanti che ha richiamato i cittadini all’ordine.

“A fronte – afferma – di tanta gente che ha compreso la gravità della situazione e rispetta le regole, dobbiamo invece registrare che anche ieri sono state denunciate 4 persone che avevano deciso di ritrovarsi per fare una bella rimpatriata e molte sono le segnalazioni che arrivano oggi di persone che girano come se nulla fosse”.

“È inutile poi – aggiunge – mettere i cuoricini alle immagini dei medici della rianimazione se non si rispetta la regola base: stiamo a casa. Per la nostra salute, per la salute degli altri, per rispetto a chi invece a casa non ci può stare perché lavora negli ospedali, fa il volontario sul 118, tiene aperto un supermercato o una bottega di paese, un’edicola o è costretto a vigilare sul territorio, come la polizia municipale e i Carabinieri, a causa di quelli che le regole non le vogliono rispettare”.

“L’emergenza non ha ancora toccato il suo apice e meno rispettiamo le regole e più sarà feroce e lunga – afferma -. Io ho fiducia in voi, dimostratemi che non mi sbaglio. Facciamo tutti la nostra parte e allora davvero andrà tutto bene”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.