Borgo in lutto per la morte di Gabriella Stefani

Il cordoglio dell'Istituto storico e del sindaco Andreuccetti

Lutto e profondo sconforto a Borgo a Mozzano per la morte di Gabriella Stefani. Una donna di cultura, che lascia un grande vuoto all’interno della comunità e – in particolare – nell’istituto storico di Borgo a Mozzano, di cui è stata segretaria per molti anni.

“Ci ha lasciato Gabriella Stefani, e sinceramente, non so come faremo senza di lei – le parole sulla pagina Fb dell’istituto storico -. Una dipartita discreta, senza clamore, in punta di piedi che ci ha spiazzato, riempiti di sgomento e frastornati. Colonna dell’istituto storico ne ha rivestito il ruolo di segretaria per molti anni; senso pratico e doti organizzative derivate dai lunghi anni di insegnamento ne hanno fatto un elemento insostituibile; la grande passione che metteva in tutto ciò che faceva trova riscontro negli ottimi risultati: convegni, giornate di studio, pubblicazioni, tutto portava il suo tocco, la sua esperienza, il suo amore, la sua passione. Sono trascorsi pochi giorni dalla nostra ultima telefonata, già sofferente mi spiegava come andassero corrette delle didascalie dell’ultimo volume degli atti Isl in uscita. Mi mancherai Gabriella, ci mancherai. Avremo bisogno di un bel po’ di tempo per realizzare che non ci sei più e riorganizzarci, ma lo faremo per te, che hai seminato buoni semi”.

“Ci ha lasciati Gabriella Stefani, già vedova Carlotti – il cordoglio di Patrizio Andreuccetti -. L’ultima volta che ci siamo visti era circa un mese fa, mi fermò per strada per farmi i complimenti per il mio pezzo sul Risorgimento che a uscirà nei prossimi atti dell’Istituto storico. ‘Mi servirà per i ragazzi- mi disse – ma anche per chi il Risorgimento se lo è scordato’. Alzò il finestrino e ripartì con l’auto, ma prima di andarmene le strinsi la mano. Era una donna di cultura, con un grande amore per la nostra terra. Voglio ricordarla così, con un’opera simbolo proprio del Risorgimento, ‘I Vespri siciliani’ di Francesco Hayez. Che la terra ti sia lieve, Gabriella”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.