Quantcast

Castagno, a Colognora la giornata di studi – Foto foto

Ieri (30 novembre) nella sala convegni del museo del castagno di Colognora di Pescaglia si è svolta una giornata di studi sul tema Il Castagno nella storia e nella cultura materiale dell’Europa centrale e Appennino settentrionale.

Sono intervenuti Patrik Krebs di Bellinzona che ha parlato del ritrovamento di pollini del castagno risalenti a prima dell’ultima era glaciale e delle aree geografiche di diffusione fino alla storia recente; Giuliana Puccinelli dell’Istituto storico lucchese che ha illustrato il passaggio del bosco misto al castagno da frutto fra il XV e il XVIII secolo nell’alta collina lucchese; Michele Armanini che ha parlato delle tradizioni e del lessico della castagna tra Appennino settentrionale, Alpi Apuane e Alpi Marittime; Fulvio Viesi dell’Associazione tutela dei marroni di Castione ha illustrato il rapporto tra il castagno l’ambiente e l’uomo nel Trentino; Rita Camilla Mandoli Dallan dell’Istituto storico lucchese sezione Valdiroggio, che ha parlato delle osservazioni sul castagno in Ungheria fatto da monsignor Ludovico De Haynald arcivescovo di Kalocsa (1878). Massimo Giambastiani dell’Irf Lucca ha chiuso l’incontro con la storia della castagna carpinese e del marrone nello Stato di Lucca.

Le foto di Domenico Bertuccelli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.