Cacciatore muore per malore nei boschi

Più informazioni su

Un’altra tragedia nei boschi della Valle del Serchio. Un cacciatore di 69 anni, Luigino Marchi, commerciante originario di Coreglia ma residente a Fornoli, è rimasto ucciso da un improvviso malore mentre era impegnato in una battuta di caccia al cinghiale, sulle montagne sopra Vico Pancellorum, nel comune di Bagni di Lucca. A fare la macabra scoperta del cadavere, sono stati attorno alle 16 di oggi (3 novembre) i compagni di battuta che non vedendolo arrivare all’appuntamento che si erano dati hanno temuto il peggio. Timori che purtroppo si sono realizzati quando hanno trovato il corpo dell’uomo riverso a terra e privo di sensi. Gli amici del cacciatore non hanno perso tempo e hanno dato subito l’allarme.

La centrale operativa ha diretto sul posto – un sentiero in località Balzo Nero – un’ambulanza, insieme ad una squadra del Sast di Lucca, facendo levare in volo anche l’elisoccorso Pegaso. Le squadre di volontari hanno raggiunto non senza difficoltà, anche a causa delle proibitive condizioni meteo, il luogo della tragedia. Al medico non è restato da fare altro che constatare il decesso per cause naturali. Sul posto, per gli accertamenti del caso, si sono recati anche i carabinieri.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.