Bagni, partito cantiere per demolizione scuola Scesta foto

Sono ufficialmente partiti i lavori per la demolizione della scuola di Scesta. Oggi (2 settembre), con la presenza del sindaco Paolo Michelini e del vicesindaco Sebastiano Pacini, ha preso il via il cantiere affidato alla ditta Lunardi Movimento Terra di Castelnuovo di Garfagnana. Procede, quindi, l’iter del progetto per la rilocalizazzione e messa in sicurezza del plesso scolastico di Scesta. Una nuova scuola all’avanguardia, sicura ed energicamente autonoma: il progetto, finanziato per 1 milione e 652 mila euro dal ministero delle finanze e dell’interno e 500 mila euro dalla regione Toscana, avrà un costo complessivo di oltre 3 milioni di euro (2 milioni 152mila per il primo lotto e 1milione e 172mila per il secondo lotto).

 

Questo sarà il progetto più oneroso del mandato Michelini. Dopo i lavori, verrà aperto un nuovo bando: “Sono ufficialmente partiti i lavori della demolizione della struttura esistente – le parole del vicesindaco Pacini -. Alla fine dell’intervento, che vedrà anche dei lavori sulla rete elettrica, apriremo un bando per la costruzione del nuovo plesso intorno al 15/20 settembre. Questo è un progetto importante e fortemente voluto dalla nostra amministrazione: oltre ad essere una scuola per i bambini della montagna, sarà un centro sicuro, in caso di calamità naturali, per tutta la Val di Lima”.
“La nuova scuola – le parole del sindaco Paolo Michelini e il vicesindaco Sebastiano Pacini durante la presentazione del progetto dello scorso dicembre – sorgerà nella stessa area del vecchio edificio, già completamente finanziato grazie a fondi ministeriali e regionali. Una scuola all’avanguardia, sicura ed energicamente autonoma che vedrà la luce per l’anno scolastico 2020/2021. Un obiettivo che era in cima alle nostre priorità, con lo scopo di restituire il prima possibile ai ragazzi una scuola più sicura. L’amministrazione non lascia indietro nessuno, a maggior ragione chi vive in montagna. Ricostruire una scuola a Scesta è una scelta coraggiosa, di cui andiamo fieri”.
Il progetto. Il nuovo plesso scolastico di Scesta ospiterà al suo interno la scuola primaria e quella d’infanzia e sarà un punto di riferimento per la zona in caso di calamità naturali. La nuova scuola, così come spiegato dall’architetto Gherardi, è frutto di un progetto condiviso con le insegnanti. Non ci sarà una palestra, bensì uno spazio per attività a corpo libero: “In questi mesi ho fatto degli incontri sia con le maestre che con il preside. Mi è stato spiegato che i bambini non hanno bisogno di una vera e propria palestra con strumentazioni particolari, bensì di alcuni spazi per attività a corpo libero. Il progetto prevede appunto questi spazi. Ho anche incontrato il dirigente responsabile del genio civile, con il quale abbiamo stabilito che tutti gli interventi sulla scuola a Bagni di Lucca saranno strategici. La nuova scuola avrà il livello massimo di sicurezza sismica: sarà un centro di raccolta per gli eventi di calamità naturale, un centro sicuro e antisismico”. Il nuovo plesso, che sarà autonomo a livello energetico, ospiterà oltre 100 alunni: qui verranno trasferiti anche gli studenti di Fabbriche di Casabasciana e quelli di San Cassiano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.