Terre di presepi, gemellaggio per i colpiti dal maltempo

Un gemellaggio simbolico tra le Terre dei Presepi e i territori colpiti dal ciclone Vaia che ha flagellato le foreste di Veneto, Friuli e Trentino è stato promosso da Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola.

Terre dei Presepi è l’itinerario presepiale più lungo d’Italia. Interessa Toscana, Umbria, Lazio, con punte in Emilia Romagna, Piemonte ed Irpinia con il coordinamento e l’animazione di Fabrizio Mandorlini. Quest’anno è stata prodotta un’apposita figurina in gesso per il presepe, realizzata da Arte Barsanti di Bagni di Lucca, rappresentante il “tartufaio”. Alcuni esempi di queste statuette saranno consegnate attraverso l’Unpli a presepi delle aree colpite.
“La tradizione del presepe è nata in Italia ed è un simbolo importante per le nostra comunità – ha dichiarato Realacci, intervenendo alla Fiere di S. Lucia a Santa Lucia di Piave in provincia di Treviso -. Un gemellaggio delle emergenze tra Veneto e Toscana, tra vento pioggia e fuoco, perché anche la provincia di Pisa è stata colpita da un devastante incendio che ha distrutto foreste e colture. La tempesta Vaia ha abbattuto milioni di alberi con venti di una violenza di cui non si aveva memoria”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.