Quantcast

Spirale, Lega chiede tavolo al governo

La crisi di Nora Spirale, l’azienda che ha annunciato il licenziamento di 42 lavoratori nello stabilimento di Monsagrati, nel comune di Pescaglia, finisce sul tavolo del governo. E’ almeno quanto chiede la deputata toscana della Lega Donatella Legnaioli, componente della Commissione lavoro della Camera, che ha proposto di “convocare Nora-Spirale e rappresentanze dei lavoratori ad un tavolo nazionale, anche – aggiunge – alla presenza della competente commissione permanente, per conoscere le motivazioni che hanno indotto l’azienda a compiere una scelta tanto penalizzante per il territorio toscano quanto traumatica per i lavoratori coinvolti. Scelta che, stando alle dichiarazioni di alcuni rappresentanti sindacali, non sembra essere dettata da problemi relativi al mercato, bensì conseguente alla decisione di potenziare lo stabilimento centrale, a Cinte Tesino in provincia di Trento, dove l’azienda ha la sede centrale”. 

“Occorre chiarire quali siano le reali intenzioni dei vertici aziendali – sottolinea l’esponente leghista – e quali azioni il Governo può mettere in atto a tutela dei 42 posti di lavoro a rischio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.