Quantcast

Covid, gli psicologi della Toscana lanciano l’allarme: “In aumento depressione, ansia e sfiducia”

La presidente dell'Ordine chiede un intervento della Regione: "Serve una legge per introdurre lo psicologo di base"

“Effetti devastanti della quarta ondata sulla salute psicologica”. A lanciare l’allarme è la presidente dell’Ordine degli psicologi  della Toscana Maria Antonietta Gulino.

“Record di casi positivi, quarantene, feste lontane dai propri cari: la quarta ondata della pandemia rischia di causare anche depressione, perdita della fiducia nella scienza e di speranza per il domani, con effetti devastanti sulla psiche dei cittadini già provata da due anni di emergenza sanitaria. Questa è un’emergenza nell’emergenza – afferma la presidente Gulino -. Il virus e le misure di contenimento ci hanno costretti al distanziamento sociale e all’isolamento, mettendo a dura prova la vita relazionale. Questa quarta ondata ha creato un’ulteriore frattura relazionale, colpendo non solo i nostri corpi, ma anche la nostra psiche in un momento molto particolare come quello natalizio, in cui le famiglie tradizionalmente si riuniscono per ritrovarsi”.

Ciò comporta frustrazione e un aumento di ansia, depressione, insonnia, mancanza di fiducia e di speranza del domani. “Fiducia e speranza sono fondamentali per il benessere della mente e di conseguenza per la tenuta del corpo, perderle può condurre a problematiche psicologiche anche gravi – continua Gulino -. Questo può essere un ostacolo anche per la campagna di vaccinazione. All’inasprirsi della pandemia c’è chi si aggrappa alla scienza e quindi corre a vaccinarsi, ma anche chi matura scetticismo e dubbi e quindi è più restio a fare la terza dose“.

“La pandemia ha dimostrato come il benessere psicologico sia fondamentale nella cura della persona. Per questo sollecito la Regione Toscana ad approvare, come hanno fatto altre regioni, una legge per introdurre lo psicologo di base, a fianco del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta, nelle Case di comunità, per rendere più efficiente il sistema territoriale delle cure primarie. La salute, anche quella psicologica, deve essere accessibile a tutti – conclude Gulino -. I dirigenti psicologi che lavorano nelle Asl sono ancora molto pochi: solo il 5% circa dei 7400 psicologi toscani. Le richieste in questi due anni di pandemia sono aumentate e le liste di attesa si allungano. Il rischio è che chi soffre per un malessere o un disagio psicologico debba aspettare mesi per un colloquio e che gli psicologi, impiegati nelle strutture pubbliche, abbiano un carico di lavoro insostenibile, rischiando il burnout per il sovraffollamento delle strutture sanitarie”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.