Autunno ‘caldo’ per il cartario: “Costo del gas, non c’è tempo da perdere”

Assocarta: "Bene le risorse per il credito d'imposta nel decreto Aiuti ter ma sia esteso ulteriormente"

Le risorse per il credito d’imposta per ottobre e novembre sono una boccata d’ossigeno, ma il settore cartario, di cui quello della Lucchesia è il primo distretto, attraverso Assocarta chiede un ulteriore sforzo per trovare le coperture fino alla fine dell’anno. Perché l’autunno che si annuncia per le imprese tra le più energivore è veramente caldo. Assocarta, ad ogni modo, esprime apprezzamento per l’ultimo decreto legge Aiuti Ter approvato dal Consiglio dei Ministri, in corso di pubblicazione.

“Avere trovato le risorse per il credito d’imposta per i mesi di ottobre e novembre, aumentato al 40% – spiega Lorenzo Poli, presidente di Assocarta – costituisce una misura concreta per le imprese energivore e gasivore, che Assocarta auspica venga esteso a fine 2022 con la possibilità di utilizzare il nuovo credito d’imposta fino a marzo 2023, modalità che consentirebbe di usufruire effettivamente della misura”.

“La nostra richiesta – precisa Poli – è che lo stesso termine di marzo 2023 possa essere esteso anche al credito d’imposta riguardante il terzo trimestre, in quanto già si manifestano le stesse problematiche che hanno indotto a utilizzare il termine di marzo 2023 nel nuovo Dl Aiuti ter”.

“Assocarta esprime apprezzamento anche sul  Dm Electricity Release, una misura fortemente voluta dalle associazioni energivore e gasivore, anche se consideriamo i 210 euro MKwh indicati dal provvedimento, un costo troppo elevato rispetto ad analoghe iniziative di altri paesi europei” continua Poli.  Per quanto concerne, invece, la gas release Assocarta auspica  che venga attuata al più presto, fissando un prezzo ‘equo’ e sia prevista l’anticipazione finanziaria in maniera che tale misura possa dispiegare i suoi effetti il prima possibile.

“Infine – sottolinea Poli – una ulteriore emergenza energetica di queste settimane è la mancanza di offerta sui tavoli aziendali di proposte per rinnovare i contratti di fornitura di gas, nonostante l’instancabile ricerca da parte delle imprese energivore”.

“Un Governo che così rapidamente ha diversificato gli approvvigionamenti per evitare una situazione di crisi più grave – prosegue Poli – non può ignorare questa ultima condizione che può diventare quella che determina la sopravvivenza di interi comparti industriali”.

“Infine è fondamentale che il piano di contenimento dei consumi  gas venga varato rapidamente – afferma Assocarta -, prevedendo adeguate compensazioni per le aziende che riducano i consumi di gas: la programmazione delle riduzioni dei consumi e un sistema adeguato di compensazioni costituiscono strumenti indispensabili per affrontare le eventuali emergenze, senza compromettere l’industria nazionale. L’Italia è un paese trasformatore e le aziende manifatturiere rischiano di perdere contratti e, quel che è peggio, interi mercati. Da una parte a causa di un mancato approccio europeo al tema Energia (Spagna e Francia a loro modo stanno sostenendo le loro imprese) e della concorrenza ‘esterna’ all’Europa (Turchia e Cina ad esempio). In questo ultimo caso, tornerà di tutta attualità il tema del dumping ambientale”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.