Broker online, l’importanza della regolamentazione

Un'attività di investimento e speculazione che riguarda la compravendita di vari prodotti finanziari e che si svolge in molteplici mercati attraverso piattaforme online specializzate, chiamate broker, per mezzo di computer o smartphones.

Più informazioni su

    Con l’avvento dei computer e di internet, si è assistito ad un’evoluzione considerevole del settore finanziario ed una delle varie conseguenze di tutto questo è stata la diffusione del cosiddetto trading online. Un’attività di investimento e speculazione che riguarda la compravendita di vari prodotti finanziari (dalle valute alle materie prime, passando per i futures) e che si svolge in molteplici mercati attraverso piattaforme online specializzate, chiamate broker, per mezzo di computer o smartphones.

    Sul web esistono diverse piattaforme o broker, tuttavia non sempre sono affidabili e garantiti. Di conseguenza, dovendo utilizzare del proprio denaro, il singolo cliente (o trader) che vuole effettuare degli investimenti deve essere sicuro del broker a cui si affida. Tra le migliori piattaforme a livello di sicurezza, affidabilità e professionalità, vi è https://www.ibroker.it/, specializzato in vari prodotti finanziari, ma in particolare i futures. Elemento importante per tali piattaforme è la regolamentazione, infatti, iBroker è anche regolamentato CNMV in Spagna. Cerchiamo di scoprire perché la regolamentazione è così importante.

    La regolamentazione dei broker

    Tale elemento risulta di fondamentale importanza per un broker, in quanto consente alla sua clientela di poter essere garantita sotto molteplici aspetti e non subire, ad esempio, delle truffe, con relativa perdita di denaro. Difatti, le piattaforme professionali, tra cui iBroker, guadagna semplicemente sulle commissioni e non lucrano invece sulle perdite della loro clientela. Tale aspetto è proprio un punto di forza di quei broker regolamentati e quindi della massima professionalità.

    Questi devono rispettare quindi una serie di norme, sia nazionali che europee, per poter lavorare ed erogare servizi in ambito continentale e devono essere inoltre autorizzati da un organismo di vigilanza territoriale. In Italia, tale organo è la Consob. Tali enti regolatori, tuttavia, non forniscono solo la licenza di intermediario, ma verificano le varie attività del broker, al fine di tutelare la clientela e il denaro di questi. Infatti, per qualsiasi problematica da tale punto di vista, un trader può sempre rivolgersi alla Consob.

    Ibroker: regolamentato e affidabile

    Come abbiamo accennato in precedenza, esistono diverse piattaforme affidabili e sicure. Tra le più celebri ed utilizzate, vi troviamo ad esempio, directa sim, fineco, iw bank che offrono diversi servizi e possibilità di effettuare molteplici operazioni d’investimento. Da questo punto di vista, per coloro che volessero entrare in contatto col mondo del trading online, si potrebbe fare un’esperienza diretta aprendo un conto demo gratuito su iBroker, ad esempio. Tale piattaforma, infatti, risulta molto semplice da utilizzare.

    Ciò permetterebbe di fare esperienza in questo ambito finanziario e magari effettuare, poi, investimenti con denaro reale, al fine di tentare di fare profitti. D’altronde, le piattaforme online affidabili, come iBroker, garantiscono alla propria clientela una notevole chiarezza e trasparenza delle condizioni d’uso e delle operazioni di investimento che si possono effettuare. Importante, comunque, è la consapevolezza, da parte del cliente, che tali attività possono anche comportare rischi di perdita del capitale utilizzato.

    Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.