Quantcast

Metalmeccanico, Fiom Cgil: “Si vigili sull’uso indiscriminato della voce ‘Trasferte Italia’”

Il sindacato: "Possibile che le principali aziende, che utilizzano le prestazioni della subfornitura e dei terzisti, non si accorgano di quanto sta avvenendo?"

La Fiom Cgil ha scritto una lettera aperta alle principali aziende metalmeccaniche e alle organizzazioni datoriali della provincia di Lucca dopo l’uso crescente della voce Trasferte Italia in busta paga.

“Questa voce viene sempre più spesso utilizzata e imposta per retribuire altri tipi di prestazioni, come per esempio gli straordinari, beneficiando di esenzioni fiscali e contributive. Si tratta cioè di vera e propria evasione fiscale e contributiva – spiega Fiom Cgil – È un fenomeno frequentissimo nelle aziende del mondo della  subfornitura e degli appalti che, non pagando quanto dovrebbero al fisco ed al sistema previdenziale, possono offrire i propri servizi alle imprese committenti a costi notevolmente più bassi di quanto dovrebbero. Si tratta di una pratica illegale che altera il sistema della concorrenza tra imprese, spesso espellendo dal mercato coloro che rispettano le leggi”.

“Spesso si ha l’impressione che questo sistema sia diventato talmente diffuso che non si accetta chi prova ad andare controcorrente e si cerchi di isolarlo creandogli intorno una sorta di cordone sanitario – va avanti la lettera – Possibile che le principali aziende metalmeccaniche lucchesi, che utilizzano le prestazioni della subfornitura e dei terzisti, non si accorgano di quanto sta avvenendo e che, magari, trovino questi metodi vantaggiosi? Compito del committente è anche quello di verificare, nei contratti di appalto, che l’appaltatore rispetti le norme a tutela della sicurezza, rispetti i contratti di riferimento e che le paghe applicate ai propri dipendenti non siano inferiori a quelle stabilite dai contratti stessi. È troppo chiedere che si faccia attenzione e non si consentano comportamenti truffaldini? Forse non si tratta di obbligo di legge ma sicuramente sarebbe in linea con i codici etici che molte delle più importante aziende si vantano di applicare e rispettare. Sicuramente significherebbe responsabilità sociale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.