Quantcast

La cultura monegasca approda per due giorni a Castiglione e a Castelnuovo Garfagnana

Con Aria di Mùnegu visita al territorio dei vertici dell’associazione dei siti storici dei Grimaldi di Monaco

In Garfagnana la cultura e i vessilli saranno a scacchi rossi e bianchi. Ebbene sì, saranno ospiti personalità di calibro, accreditate alla corte del Principe Alberto II di Monaco; nello specifico sarà Aria di Mùnegu, l’associazione che ha sede a Castiglione di Garfagnana, ad accompagnare nel territorio Fulvio Gazzola, presidente dell’associazione dei siti storici dei Grimaldi di Monaco (a cui Aria di Mùnegu è affiliata), il professor Maurizio Ulino storico e impresista del casato monegasco, nonché il professor Aldo Jean Herlaut curatore di collezioni artistiche della casa principesca di Monaco.

Gli illustri ospiti saranno ricevuti dal comitato direttivo dell’associazione toscana, con l’intento di siglare attività di valorizzazione del territorio.

Sabato (25 giugno) pertanto, ci sarà una visita al borgo medievale di Castiglione di Garfagnana, la parte istituzionale sarà officiata dal presidente del consiglio Giovanni Battista Santini, anch’esso membro del direttivo dell’associazione Aria di Mùnegu, il quale accoglierà gli illustri ospiti nel municipio di Castiglione di Garfagnana a nome di tutta la comunità locale.

Seguirà una passeggiata a Castelnuovo di Garfagnana e una visita al suo maniero nel quale Ludovico Ariosto, in funzione di amministratore, governò per gli Estensi il territorio della Garfagnana.

Al proposito il professor Ulino ci ha anticipato una importante nota relativamente a contatti storici pregressi, sottolineando che un ramo dei signori ferraresi e modenesi, secondo quanto afferma il professor Ulino, nella persona di Sigismondo III d’Este marchese di San Martino, si alleò in matrimonio con Maria Teresa Grimaldi figlia di Ercole I e nipote di Onorato II Principe di Monaco, costituendo in tal modo un ideale legame storico tra la Garfagnana e il Principato di Monaco.

Domenica sarà la volta del luogo dedicato a Giovanni Pascoli a Castelvecchio dove visse ed è sepolto. Infine, ci sarà una visita a Barga, borgo mediceo.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.