Quantcast

Didattica a distanza, Forza Italia: “Impossibile per i ragazzi della Garfagnana andare avanti senza fibra”

Il corrdinamento chiede alla Regione Toscana di “garantire” pari opportunità a chi vive in zone marginali, montane e disagiate del territorio

“E’ impossibile per i ragazzi residenti nei territori montuosi continuare con la didattica a distanza sprovvisti di un’adeguata connessione”. E’ il coordinamento di Forza Italia Garfagnana a denunciare le difficoltà nella fruizione della Dad da parte degli studenti e a invitare la Regione Toscana a “garantire” pari opportunità a chi vive in zone marginali, montane e disagiate del territorio.

“I cittadini residenti in Garfagnana sono chiamati a pagare i medesimi contributi regionali ma non ricevono gli stessi servizi che sono propri di aree cittadine – prosegue la nota di Forza Italia Garfagnana -. La mancanza della fibra da parte della quasi totalità dei garfagnini, rappresenta di fatto l’ennesimo ostacolo alla sopravvivenza in un territorio ormai abbandonato e riservato solo alle foto di gite domenicali, le quali anch’esse risultano un miraggio vista la pandemia che sta colpendo la nostra nazione. La mancanza di un piano di digitalizzazione che possa permettere al territorio, da noi rappresentato, di stare al passo con i tempi, con la competizione economica, formativa ed educativa comporta l’impossibilità a fruire in maniera completa della Dad e a promuovere e sostenere il turismo, l’artigianato, la filiera agroalimentare e i servizi alle persone”.

“Inoltre, è necessario che la pubblica amministrazione si faccia maggiormente carico delle necessità delle molte famiglie residenti nei territori montani al fine di migliorare l’accesso alla rete internet, la quale risulta poco affidabile – prosegue la nota -. E’ doveroso segnalare come la Garfagnana non abbia ancora la tecnologia Ftth in quanto dichiarata ‘Area Bianca’. Ci domandiamo come il futuro dei nostri ragazzi possa essere condizionato da questa logica e come il nostro territorio invece necessiti di supporto ed integrazione”.

“Chiediamo che la Regione Toscana intervenga quanto prima con ogni mezzo possibile e disponibile a fornire l’intera copertura digitale della Garfagnana – conclude il coordinamento Fi -. Considerato che la realizzazione della rete pubblica nazionale sulle aree bianche si fonda sull’accordo tra lo Stato e le Regioni siglato l’11 Febbraio 2016 sulla scorta del ‘Programma di sviluppo rurale 2014/2020’ e che per l’utilizzo delle risorse e le modalità di attuazione, il Mise ha concesso alla Regione Toscana oltre 80 milioni di Euro. Qualora la Regione Toscana abbia piacere, ci rendiamo da subito disponibili alla più ampia collaborazione, nell’interesse più alto del bene della Garfagnana e dei suoi abitanti tutti”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.