Neve e disagi, anche a Minucciano scatta l’ordinanza per il taglio delle piante

Firmato il provvedimento per evitare pericoli per la pubblica incolumità. Segue quello di San Romano e Piazza al Serchio

Emergenza neve, a Minucciano è tempo di bilanci e di ordinanze per cercare di evitare il ripetersi di alcuni disagi. Gli eventi meteorologici dei giorni scorsi, che hanno interessato in maniera consistente gran parte del Comune, hanno provocato la caduta di alberi lungo la viabilità comunale di collegamento tra le varie frazioni/località ed anche interna alle medesime, nonché lungo la viabilità regionale e provinciale che attraversa il territorio comunale. Ciò ha reso necessario l’intervento da parte degli addetti alla viabilità per il taglio delle piante cadute al fine di consentire la riapertura al transito delle strade interessate.

Neve e blackout, Minucciano il comune più colpito della Toscana. Il sindaco: “Sono stati giorni molto difficili”

La caduta sulle strade comunali di alberi, rami ed altri materiali dai terreni rappresenta un pericolo per la pubblica incolumità, sia diretto, in caso di caduta durante la circolazione, sia indiretto, per il possibile isolamento di frazioni ed abitati, con conseguenti ritardi in caso di situazioni di pericolo o necessità, frequenti soprattutto net periodo invernale ed in presenza di condizioni meteorologiche avverse.

Il proprietario, e/o conduttore degli immobili o dei terreni confinanti con le strade ad use pubblico – come specifica il comune di Minucciano -, ha il doveroso compito di porre in essere tulle le attività necessarie affinché la vegetazione dei propri terreni non costituisca fonte di pericolo per il transito da parte degli utenti delle strade e/o di interruzione della viabilità stessa.

Anche il comune di Minucciano, come si legge nelle rispettive ordinanze, ha ritenuto necessario, ad integrazione delle norme e in considerazione degli eventi tipici della stagione invernale, adottare un provvedimento ordinatorio finalizzato alla messa in sicurezza delle strade comunali tramite verifica ed eventuale taglio delle piante lungo i bordi delle stesse, net caso in cui sussista pericolo per la pubblica incolumità o comunque intralcio per la fluidità della circolazione anche pedonale, nonché finalizzato alla rimozione immediata dalla sede stradale e dalle sue pertinenze di alberi, ramaglie e terriccio provenienti dai fondi confinanti.

Il comune di Minucciano ordinana “a tutti i proprietari, affittuari, conduttori e detentori a qualsiasi titolo, di immobili e di terreni confinanti con le strade comunali, di eseguire nel termine di 30 giorni dalla pubblicazione dell’ordinanza, il taglio, entro una fascia minima profonda 6 metri a monte e a valle della sede stradale di siepi, arbusti, pianti e alberi che invadono la carreggiata, e di ogni alberatura oltre tale fascia che comporti pericolo per la pubblica incolumità o comunque intralcio per la circolazione veicolare e pedonale“.

L’ordinanza prevede inoltre “la potatura regolare di siepi e arbusti radicati sui propri fondi che invadano i confini della proprietà stradale o che provochino restringimenti della carreggiata, limitazioni della visibilità e della leggibilità della segnaletica orizzontale e verticale; creano problemi di ,visibilità alla circolazione stradale; risultano inclinate e instabili. Di rimuovere, ogniqualvolta se ne verifichi la necessità e nel pii breve tempo possibile, e comunque non oltre 5 (cinque) giorni dal verificarsi dell’evento, le ramaglie che per effetto delle intemperie o di qualsiasi altra causa, cadono o si protendono lungo le strade comunali. Di provvedere alla regolare regimazione delle acque meteoriche all’interno elle aree private affinché non si verifichino versamenti straordinari sulla sede stradale. Di eliminare eventuali pietre o altro materiale libero presente nelle scarpate a monte della sede stradale, che possa recare dannò alla viabilità. Rimuovere immediatamente dalla sede stradale e dalle cunette, foglie, ramaglie e terriccio provenienti dagli accessi ai propri fondi”.

In caso di inottemperanza nel termine di trenta giorni assegnato dall’amministrazione comunale, la stessa potrà provvedere direttamente affidando il taglio ad operatori economici abilitati, con addebito delle relative spese e delle sanzioni previste dalla legge a carico dei soggetti obbligati e non adempienti.

Clicca qui per leggere l’ordinanza completa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.