Confindustria: “Test sierologici per lavoratori: ridurre i tempi”

Molte aziende e dipedenti in difficoltà: "In attesa dell'esito non possono nemmeno essere emessi certificati medici"

Più informazioni su

“Fra i molti disagi che aziende e lavoratori devono affrontare in questa complessa fase 2 della pandemia da Covid-19 c’è anche la posizione formale del personale dipendente risultato positivo ai test sierologici e in attesa di tampone”.

Così Confindustria Toscana nord, che prosegue: “I test sierologici sono facoltativi, ma nel caso in cui vengano eseguiti devono ovviamente sottostare a regole rigorose. Se un lavoratore viene sottoposto a test e questo ha esito positivo, il tampone è indispensabile per stabilire con certezza la condizione della persona rispetto al contagio. Un passaggio ineliminabile anche perché l’affidabilità dei test sierologici rapidi – quelli comunemente effettuati in Toscana – è bassa e sono possibili risposte non corrispondenti né in un senso né nell’altro”.

Percorrendo l’iter con le relative tempistiche – spiega Confindustria – il primo passaggio per il lavoratore che riceve risposta positiva al test sierologico è di chiamare il numero verde appositamente istituito dalla Regione Toscana, che dovrebbe programmare il tampone entro 24 ore. In realtà i tempi sono ben diversi: il tampone viene talvolta fissato a distanza di 3-4 giorni, che diventano anche di più in quanto il numero verde non è attivo il sabato e la domenica, il che aggiunge due giorni a chi riceva l’esito del test sierologico il sabato. Considerato che occorrono poi altri 4-5 giorni per ricevere l’esito del tampone, si può concludere che il tempo intercorrente fra la comunicazione al lavoratore della positività del test sierologico e l’esito del tampone va dai 5 giorni nei casi più favorevoli ai 9-10 giorni di quelli più sfavorevoli, che incorrano nello stop del servizio nel fine settimana”.

“Durante tutti questi giorni – si legge nella nota – il lavoratore è in un limbo che crea disagio e danno a lui stesso e all’azienda. Infatti, allo stato attuale la posizione formale del lavoratore che risulti positivo ai test sierologici e in attesa di tampone non è di malattia, che è attestata solo dall’esito positivo del tampone. I positivi al test sierologico non devono rimanere a contatto con i colleghi per evidenti motivi, ma i medici – come hanno denunciato essi stessi – non possono emettere certificati di malattia che giustifichino la permanenza del lavoratore al proprio domicilio. Da qui complicati escamotage che vanno dalla fruizione delle ferie a congedi o altre forme del tutto improprie.

“Nelle aziende – conclude Confindustria – si registra un crescente disagio per questa situazione. Occorre che i tempi vengano ridotti al minimo, anche utilizzando il fine settimana per prendere appuntamenti ed eseguire i tamponi, e che i medici ricevano disposizioni che consentano loro di porre il lavoratore in stato di malattia, l’unico che abbia un senso in questo contesto. E’ quanto stiamo chiedendo alla Regione Toscana, confidando in una risposta quanto più possibile rapida.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.