Confagricoltura: “Oltre 15mila posti vacanti, si reintroducano i voucher”

Neri: "Il governo deve fornire uno strumento adeguato"

“A una situazione straordinaria devono corrispondere misure straordinarie” dichiara Marco Neri, presidente di Confagricoltura Toscana, chiedendo a gran voce la reintroduzione dei voucher agricoli, o di misure analoghe, per sopperire alla mancanza di manodopera straniera nelle campagne. “Con le frontiere bloccate a causa del coronavirus, da ora a settembre, in Toscana il settore ortofrutticolo e quello vitivinicolo avranno bisogno di circa 15mila persone per portare avanti il lavoro, ma se il Governo non ci fornisce uno strumento adeguato riusciremo a fare ben poco”.

Per questo Confagricoltura Toscana ha chiesto alla Regione di farsi portavoce per chiarire le istanze dell’intera categoria anche nelle sedi romane e per illustrare la necessità di dare alle aziende la possibilità di assumere con contratti più snelli.

“Con la reintroduzione dei voucher – aggiunge Neri – potrebbero essere assunti temporaneamente cassaintegrati, studenti, pensionati e anche coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza. Questa estate, insomma, il lavoro agricolo potrebbe rappresentare un’occasione per tamponare l’emergenza occupazionale che si sta materializzando ogni giorno con più evidenza a causa del collasso economico indotto dal covid-19″.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.