San Romano apre un canale YouTube per condividere testimonianze dei sopravvissuti della guerra

Il sindaco Mariani: "Vogliamo trasmettere i ricordi per conservarli nella memoria collettiva"

San Romano non dimentica. L’amministrazione comunale, in occasione del Giorno della memoria, ha voluto dare inizio a un itinerario simbolico che permetterà di conservare le testimonianze relative al “vissuto” da parte dei suoi concittadini del periodo relativo alla seconda guerra mondiale.

Remo Luccarini

Il Giorno della memoria cade ogni anno il 27 gennaio. L’evento si celebra ogni anno in Italia a partire dal 2000 e nel resto del mondo dal 2005, non va considerata tanto come un omaggio alle vittime del nazismo, quanto un’occasione di riflessione su una storia che ci riguarda da molto vicino. Il 27 gennaio 1945 è infatti il giorno in cui, alla fine della seconda guerra mondiale, i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz vengono abbattuti dalla 60esima armata dell’esercito sovietico.

L’amministrazione Mariani intende trasmettere le testimonianze e i ricordi dei sopravvissuti tramite il proprio canale YouTube. Guerra, distruzione, fame, dolore e sacrificio ma anche forza, passione, determinazione fede e speranza nel futuro: attraverso i social media, San Romano vuole conservare tutti i racconti. La prima testimonianza è quella di Remo Luccarini, già caricata sul canale YouTube.

mariani.jpg

“Avere la possibilità di trasmettere testimonianza diretta di fatti – le parole del sindaco Raffaella Mariani -, vicende racconti di quel periodo, attraverso la viva voce dei nostri anziani che hanno vissuto la tragedia della guerra, servirà a non dimenticare ed a rendere omaggio ai loro sacrifici. Grazie al lavoro del vicesindaco Roberto Rocchiccioli, siamo riusciti a costruire filmati delle testimonianze più toccanti e a trasferirle sul canale YouTube del Comune di San Romano in Garfagnana, all’interno della sottosezione denominata Seconda Guerra Mondiale: la memoria dei nativi e quindi a trasmettere i ricordi di molti sopravissuti per conservarli nella memoria collettiva. Attraverso i social media sarà semplice e immediato poter fruire ed immedesimarsi nei racconti ancora molto appassionati e dolorosi dei testimoni dell’epoca”.

“Partiremo dalla testimonianza di Remo Luccarini – prosegue il sindaco -, classe 1923, abitante di Villetta, internato per 2 anni nel campo di lavoro di Limburg, in Germania. Remo, deportato e internato, è sopravvissuto alla terribile esperienza dei lager nazisti. Nel 2015 ha ricevuto la medaglia d’onore, onorificenza attribuita dalla presidenza del consiglio dei ministri per la sua drammatica esperienza. La medaglia è stata consegnata dall’allora prefetto di Lucca Giovanna Cagliostro, in visita nel comune di San Romano in Garfagnana. Il prefetto si era recato a Villetta perchè Remo Luccarini non aveva potuto partecipare alla commemorazione nel cortile degli Svizzeri, a Lucca, il 2 giugno 2015. Guerra, distruzione, fame, dolore e sacrificio ma anche forza, passione, determinazione fede e speranza nel futuro emergono come monito in un messaggio senza tempo che vale per il presente e per la storia ancora da scrivere”.

Clicca qui per accedere al canale YouTube di San Romano e ascoltare la testimonianza completa di Remo Luccarini .

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.