River Pieve, Micchi presenta acquisti per Promozione

Per tutti la River Pieve è pronta a recitare un ruolo da protagonista. La campagna acquisti per la Promozione è stata condotta in maniera chiara. Per non farsi trovare sprovveduta al salto di categoria sono arrivati l’attaccante Petracci, lo scorso anno tra Vorno e Pecciolese che ha vinto la Promozione, il jolly di difesa Benassi dallo Sporting Bozzano, Bonfigli centrocampista dalla Lampo, i centrocampisti Cecchini e Filippi dal Castelnuovo, il portiere De Canini classe 2000 dalla juniores regionale del San Filippo, il difensore classe 2000 Rossi e l’esterno classe 2001 Giulio Rugani dal Ghiviborgo, la mezz’classe 2001 Diego Bartolomei dal Valdottavo, lo scorso anno al Corsagna in Seconda Categoria, Francesco Morelli, mezzala della juniores regionale dell’Atletico Lucca.
Dell’allestimento della squadra parta il tecnico Edoardo Micchi.

Micchi una bella campagna acquisti?
“Sono contento. La società ha preso giocatori esperti che hanno già vinto in passato, tanti giovani personalmente non li conoscevo ma le referenze che ho avuto sono valide. I nuovi arrivati sono importanti ma è altrettanto importante le conferme di Fontana, Francesco Satti, Simone Angeli, che pur avendo 41 anni se sta bene è un giocatore ancora importante, quelle dei centrocampisti Byaze e Catalini, il classe 2000 Lorenzo Micchi e Cristea, Haoudi in avanti, il difensore classe ’99 Turri”
Un gruppo omogeneo
“Noi come società non possiamo fare diversamente, non avendo una juniores alle spalle dobbiamo avere più soluzioni nei ruoli, potendo contare su 4 o 5 giocatori in una rosa di 20 elementi”.
L’impressione è che ci sia una società con una buona disponibilità economica
“Il gruppo dirigenziale è giovane, ha entusiasmo, quando vincono si divertono. Preferiscono vincere in Seconda Categoria che fare campionati superiori in maniera anonima”.
Più l’asticella si alza e più le difficoltà aumentano
“E qui le pretendente non mancheranno: Larcianese, Viaccia, Prato 2000, squadra che arriva da due promozioni consecutive, il Pontebuggianese, il Pieve Fosciana”.
Quali difficoltà dovrete superare
“I nostri giovani sono tutti nuovi e dovremo trovare il sistema di collocarli. Questo è un campionato dove non vinci facilmente 3-0, ma saranno tutte gare in cui devi faticare per vincere. Sarà un campionato competitivo”.
Come pensa di disporre i suoi
“Con un 3-5-2, ma la cosa più importante non è il sistema di gioco ma l’importanza di dove si trova la palla. Voglio dare un gioco, dobbiamo avere un idea spiccata di cosa vogliamo fare. Ci vorrà tempo per assimilarlo: ci sono 6 o 7 nuovi”
Questi volti nuovi sono quelli che voleva
“Devo dirvi che la società è andata al di là delle mie aspettative, Petracci lo voleva mezza Toscana, Cecchini e Filippi sono un lusso per questa categoria, addirittura è stato compiuto uno sforzo in più per arrivare a Bonfigli, mi hanno dato di più di quello che speravo”.
La sua River Pieve dove la colloca?
“Vogliamo essere competitivi, vince uno solo ed è sempre difficile farlo, vogliamo giocarci un posto nei playoff”.
Campagna acquisti conclusa?
“Potrebbe mancarci un 2001. Nel mio sistema di gioco, il 3-5-2, lo cerchiamo o in difesa o in attacco”.
Quando suonerà la campanella?
“Inizieremo il ritiro l’8 agosto pensiamo sia la data giusta. Andremo a fare la preparazione a Corfino, il paese del nostro direttore sportivo”.
Nella sua lunga carriera da calciatore per lei sarà un battesimo?
“No l’ho già svolta lì con Tazzioli, quando giocavamo la serie C a Castelnuovo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.