Toscana, 2 milioni per rilanciare il settore del latte ovi-caprino

Dopo la crisi che a novembre ha colpito il settore ovino da latte in Toscana, la giunta regionale ha approvato due delibere a sostegno di tutta la filiera e della promozione dei formaggi sui mercati internazionali. Nella giornata di ieri (28 gennaio) la giunta ha infatti approvato un finanziamento di 2 milioni, provenienti dal bilancio regionale e un protocollo d’intesa con il quale coinvolgere nel percorso organizzazioni professionali, cooperative agricole e i consorzi di tutela dei formaggi Dop.

“La Regione – commenta il presidente della Regione Enrico Rossi – sostiene i produttori di latte ovino e caprino che stanno fronteggiando una grave crisi di settore, acuita dalla ristrutturazione di grandi gruppi a livello nazionale. Il pacchetto di interventi messi in campo dalla giunta rappresenta lo sbocco di un intenso lavoro a fianco delle categorie, per tutelare e rilanciare un settore importante della produzione agroalimentare toscana. Anche in questo caso, non ci siamo limitati a tamponare l’emergenza, ma abbiamo previsto interventi e risorse per sostenere e riposizionare l’intera filiera del latte ovi-caprino e dare risposta alle dalle diverse criticità che sono emerse in questa fase, rispondendo così alle istanze dei produttori”. Le due delibere rappresentano la fase culminante di un percorso che si è attivato nel novembre scorso, quando la crisi del settore è diventata emergenza a seguito dei provvedimenti assunti da due grandi gruppi industriali che hanno disdetto contratti di fornitura dal gennaio 2019 per cento allevatori, collocati principalmente nella provincia di Grosseto. “A seguito di questa situazione – spiega l’assessore all’agricoltura Marco Remaschi – ci siamo subito mobilitati, attivando il tavolo di filiera del settore ovi-caprino da latte, al quale partecipano le organizzazioni professionali agricole, le centrali cooperative, i consorzi di tutela delle denominazioni d’origine protetta dei formaggi e i caseifici operanti in Toscana”. L’immediata mobilitazione ha permesso di raggiungere già a dicembre l’obiettivo della ricollocazione dell’intera produzione di latte ovino delle aziende, circa 3,2 milioni di litri su un totale di produzione annua toscana di circa 55 milioni di litri presso alcuni caseifici locali. “Risolto tempestivamente il problema contingente – ricorda l’assessore all’agricoltura Marco Remaschi – la giunta ha deciso di guardare a un orizzonte più largo, cercando di delineare un intervento capace di sostenere tutta la filiera produttiva, dando risposta attraverso singoli interventi ai principali motivi di crisi: il calo dei consumi, l’aumento dei costi di produzione, il fenomeno delle predazioni”. Una terza linea d’azione è la presentazione alla commissione Ue di una modifica al Psr 2014-2020 al fine di rafforzare economicamente gli interventi mirati al settore ovicaprino. Per quanto riguarda il provvedimento da due milioni di euro, la regione investe direttamente sul settore risorse provenienti dal bilancio regionale, suddividendo il proprio intervento in due azioni di fondo: la prima rivolta alla promozione, la seconda al sostegno complessivo di tutta la filiera. Per il primo aspetto, la volontà è quella di riuscire a favorire un aumento della domanda da parte dei mercati, specie di quelli internazionali, ma anche da parte della Gdo: a tale scopo è stata varata una misura che utilizza 700.000 euro dei 2 milioni disponili, per la promozione dei formaggi ovini a denominazione di origine protetta. Con il resto della somma prevista, 1,3 milioni di euro, si cerca invece di dare risposta a tutte le questioni poste dagli allevatori (gli anelli a monte della filiera) attraverso, per esempio, sostegni per la perdita di produzione a seguito di attacchi di predatori, aiuti per l’acquisto di animali riproduttori iscritti nei libri genealogici, quindi di qualità, investimenti nelle aziende zootecniche finalizzati a una corretta gestione del pascolo, all’utilizzo sostenibile delle risorse e alla conservazione del paesaggio. Il protocollo d’intesa ha invece l’ obiettivo di rilanciare il settore zootecnico regionale, e in particolare il comparto ovi-caprino da latte, attraverso la realizzazione di azioni comuni finalizzate a migliorare l’efficienza dei rapporti tra tutti i soggetti della filiera ovi-caprina, coinvolgendo sia la produzione primari che la trasformazione e la commercializzazione, nonché aumentare la presenza sui mercati nazionali ed esteri attraverso specifici interventi di promozione e informazione. Il comparto ovi-caprino da latte toscano, che si è ridotto in termini di numero di allevamenti del 20 per cento dal 2010 al 2017, conta ad oggi circa mille allevamenti con oltre 324mila capi e una produzione stimata di circa 55 milioni di litri di latte all’anno, corrispondente a una produzione di formaggio di circa 110mila quintali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.