Quantcast

S. Pellegrino, nuova gestione per museo etnografico

Il museo etnografico di San Pellegrino in Alpe riaprirà presto i battenti. La struttura, finora gestita dalla Provincia di Lucca e dalla parrocchia locale e chiusa da alcuni mesi per alcuni interventi di manutenzione, potrà infatti contare a breve su una gestione integrata e coordinata grazie alla collaborazione che stanno stringendo alcuni enti e soggetti che hanno a cuore l’attività del museo Don Luigi Pellegrini che, proprio in virtù di questo accordo, entrerà a far parte di un percorso turistico culturale ancora più ampio e articolato, a cavallo dei territori montani delle province di Lucca e Modena.

In questi giorni si è tenuta a Palazzo Ducale a Lucca una riunione operativa per la definizione del protocollo d’intesa coordinata dal consigliere provinciale con delega alle politiche della Valle del Serchio e della Garfagnana Andrea Carrari e della dirigente competente per la valorizzazione dei beni culturali Rossana Sebastiani. Alla riunione hanno preso parte i rappresentanti del Comune di Castiglione Garfagnana, del Comune di Frassinoro, dell’Ente parchi Emilia Romagna, del Parco nazionale appenino Tosco–Emiliano e della parrocchia. Sono questi infatti, oltre alla Provincia di Lucca, gli enti interessati che sottoscriveranno il protocollo, a cui si aggiungeranno l’Unione dei Comuni della Garfagnana e il Parco del Frignano. Soggetti che hanno riconosciuto l’importanza del museo etnografico di San Pellegrino in Alpe per lo sviluppo turistico e culturale del territorio, sia per la posizione strategica lungo la via di collegamento tra le province di Modena e di Lucca, sia per patrimonio storico-culturale della raccolta.
“La Provincia – spiega il consigliere Carrari – in virtù della donazione di Don Luigi Pellegrini è proprietaria dal 1988 della raccolta etnografica che costituisce la collezione primaria del museo, ospitato nei locali dell’antico ospizio di San Pellegrino di proprietà della parrocchia. Da circa metà novembre il museo è provvisoriamente chiuso perché sono in corso interventi di miglioramento dei dispositivi di sicurezza; grazie al coordinamento del nuovo responsabile della sicurezza si stanno predisponendo alcuni sistemi di prevenzione incendi e attuando interventi relativi alle vie di fuga. L’accordo che stiamo definendo porterà a breve alla riapertura del Museo la cui gestione, oltre ad essere allargata, avrà anche una nuova organizzazione per garantire la presenza di personale nella struttura museale”.
I soggetti sottoscrittori dell’accordo – dove sarà specificata anche la ripartizione in merito alle spese da sostenere – lavoreranno, quindi, per la valorizzazione del museo e per incrementare le presenze turistiche del sito e, al tempo stesso, si impegneranno ad individuare nuove forme di finanziamento per le attività di valorizzazione della struttura, per supportare l’accoglienza turistica e realizzare iniziative didattico-culturali in loco.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.