Ipotesi Giannini per il collegio della Camera

Massimo Mallegni candidato al Senato nell’uninominale e, forse, anche in un altro collegio al proporzionale. Deborah Bergamini capolista di Forza Italia al proporzionale per la Camera dei Deputati. Al momento sono queste due le certezze per la coalizione di centrodestra in vista delle elezioni del prossimo 4 di marzo. Sono i giorni decisivi, questi, per mettere a posto le caselle della battaglia elettorale e poi entrare nel vivo dell’ultimo mese di campagna.

Al Senato l’ex sindaco di Pietrasanta, che si è dimesso dal suo incarico proprio per correre alle elezioni legislative, sfiderà in una battaglia davvero delicata il senatore Andrea Marcucci in uno scontro all’ultimo voto. Molto, per la contesa, dipenderà anche dagli altri sfidanti, Movimento Cinque Stelle e Liberi e Uguali in primis. I loro risultati, infatti, potrebbero condizionare la sfida all’uninominale favorendo uno o l’altro dei grandi favoriti per il collegio.
Alla Camera, invece, il nodo è da sciogliere. La battaglia nel collegio uninominale, giudicato ‘contendibile’, potrebbe toccare a Riccardo Zucconi di Fratelli d’Italia o a Michele Giannini, primo cittadino di Fabbriche di Vergemoli, di Forza Italia ma anche vicino ai movimenti civici provinciali.
Non sarà della partita, invece, l’ex sindaco di Altopascio e consigliere provinciale, Maurizio Marchetti. Per lui, infatti, in caso di elezione in parlamento del coordinatore regionale Mugnai, si potrebbero aprire le porte, come primo dei non eletti, al consiglio regionale.
Quella che sta per iniziare, comunque, è la settimana decisiva per compilare le liste. Dopo la ridda di nomi lo spazio sarà solo per la battaglia elettorale. E la decisione finale spetterà solo agli elettori.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.